In ordine cronologico

Nel cuore dell'inverno nasce l'antico Fundum

L'ultima creazione di casa Bottega

Ritorna un vino molto particolare che richiama le origini del prosecco. Si produceva prima della fine dell'Ottocento e rappresentava il prosecco quotidiano per eccellenza che le famiglie contadine consumavano durante i loro pasti. È un prosecco doc frizzante rifermentato in bottiglia che conserva il naturale deposito di lievito. È asciutto, fresco e sapido, con bollicine fini e delicate.

Versi diversi talora perversi

Un funambolico esercizio di fantacritica letteraria

La vena ironica e dissacrante di Paolo Coltro si impossessa del libro di poesie Nuvola Randagia di Enzo Bordin per tracciarne un vistoso elogio universale attraverso le acuminate analisi di eminenti studiosi di diversi paesi e culture. Un omaggio burlesco al poeta italiano in una delirante e immaginifica lectio magistralis alcolica tenuta nottetempo all'università di Tubinga di fronte a un pubblico trasgender e cosmopolita colto ed entusiasta.

Con Giovanni Boldini a Forlì lo spettacolo della modernità

Una grande mostra dedicata al celebre pittore ferrarese

La rassegna presenta più di duecento capolavori di Giovanni Boldini, e inoltre quaranta opere di confronto di quel periodo ai massimi livelli. Sono in mostra dipinti di Van Dick, Goya, Degas, Helleu, Modigliani. E ancora, di De Nittis, Corcos, Zandomeneghi, De Tivoli, Signorini, Borrani, Cecioni, Troubetzkoy. Curata da Fernando Mazzocca e da Francesca Dini, la rassegna, allestita ai Musei San Domenico di Forlì, resterà aperta fino al quattordici giugno.

Lettera di una lesbica a un monsignore

Sul caso che scotta dell'educazione nelle scuole

Monsignor Angelo Bagnasco, presidente della Cei, ha sferrato un duro attacco alla diffusione nelle scuole dei libri dell'istituto Beck intitolati Educare alla diversità a scuola e ispirati alla teoria del gender. Per il cardinale, che sostiene il diritto di astenere i propri figli da quelle lezioni, si vuole «colonizzare le menti dei bambini e dei ragazzi con una visione antropologica distorta». Rosaria Iardino, lesbica, consigliere comunale del Pd di Milano, gli ha scritto questa lettera aperta.

Fuoco, fiamme e cocài

Il comunicato stampa recita lapidario: «Riavvio dell'impianto Versalis, attivazione delle torce di Fusina. con fax inviato alla centrale operativa della polizia municipale e alla Protezione civile, l'azienda Versalis, del polo petrolchimico di Porto Marghera, ha comunicato nei giorni scorsi che sono in corso in questa settimana, le operazioni di riavviamento dell'impianto».

La sfida più difficile è quella di scoprire come nasce una risata

Il racconto della stupefacente storia di un grande clown

Si sono messi in tre per affrontare la sfida di narrare in modo non convenzionale la storia del più importante clown del mondo dei nostri tempi, l'italiano David Larible. Hanno preso carta e penna lo stesso David e gli studiosi Alessandro Serena e Massimo Locuratolo. Ne è uscito un libro originale, Consigli a un giovane clown, edito da Mimesis, che affianca alla biografia di Larible la storia della clownerie e lo studio dei meccanismi della comicità nei grandi maestri del genere.

L'avanguardia russa una sfida ai divieti del regime stalinista

L'eccezionale collezione di George Costakis

Al Polo Reale di Torino una mostra sorprendente dedicata all'avanguardia russa, con numerose testimonianze dell'arte sperimentale degli inizi del secolo scorso. L'avventura rocambolesca di un autista dell'ambasciata greca che nel suo appartamento di Mosca, divenuto un cenacolo di artisti e intellettuali, raccolse un numero impressionante di opere straordinarie, altrimenti destinate alla distruzione e all'oblio.

Certe domeniche verso le tre del pomeriggio

La scomparsa di Filippo Aziz Azimonti

Certe domeniche verso le tre del pomeriggio, quando cominciava il lavoro nella redazione milanese di Repubblica in via De Alessandri, metteva su il disco coi cori dell'armata rossa, alzava al massimo il volume e diceva: «E adesso vediamo chi ha il coraggio di farsi avanti». Era uno scherzo naturalmente, rivolto ai colleghi giornalisti, più e meno giovani, che di lì a poco si sarebbero presentati nel suo ufficio, l'ufficio centrale della redazione.

Trenta nodi di bora

Seicento miglia nautiche in cinque giorni

A primavera, sconsolato, osservo il Contender. Nobile barca. È lì, a terra, vicino a un grosso albero. L'ho acquistato senza praticamente mai usarlo, e una barca non usata è una barca condannata a morte. Ma non si può condannare all'inedia ciò che per natura è nato veloce, agile e scattante. Non è possibile una condanna a morte tramite tortura lenta, atroce, inesorabile. E lei, lei mi guarda appoggiata sopra un carrello, mi scruta e dolcemente mi dice: proprio un bel cretino sei.

Chi ha paura di Syriza

Nessuna paura di Syriza. Anzi, sia benvenuto le temps de Syriza, come titola scherzosamente il quotidiano francese Liberation con un gioco di parole riferito a una celebre canzone di Juliette Greco, Le temps des cerises. È solo un partito politico che segue le regole della democrazia. Un partito di sinistra radicale, lo definiscono, distinguendo un po' capziosamente tra sinistra moderata (più rassicurante), e sinistra radicale, pericolosissima invece secondo alcuni.

Un pollice piuttosto raro

La lettura della mano di Marcella

Un altro clown italiano in vetta a Montecarlo

La trentanovesima edizione del festival del circo

Gianni Huesca, in arte Fumagalli, conquista il clown d'oro sedici anni dopo un altro grande clown italiano come David Larible. Quattro numeri al primo posto. Quattro anche i clown d'argento, sei quelli di bronzo, in un'edizione monopolizzata dai russi. Cinque gli italiani in gara. Festival funestato dalla morte durante le prove di un motociclista italiano di soli ventiquattro anni, il modenese Kevin Ferrari, che si è schiantato al suolo con la sua moto. Il festival è stato sul punto di esserte annullato. Aperta un'inchiesta. Sotto choc la Principessa Stéphanie. Le pagelle.

Adieu, les jeux sont faits Macao batte Las Vegas

La grande crisi dei casinò americani e italiani

Le duecentosettanta case da gioco di Las Vegas e del Nevada sono sprofondate in una crisi senza precedenti: hanno chiuso il 2014 con una perdita secca di 743 milioni di dollari. Las Vegas ha così perduto il suo scettro di regina incontrastata del gioco d'azzardo, superata dalla vivacissima Macao. Anno di crisi anche per i casinò italiani: il peggiore di tutti è stato quello di Venezia, con un calo del sette per cento, pari a otto milioni di euro. Per ridurre i costi, la prestigiosa sede di Ca' Vendramin resterà aperta solo nei fine settimana.

Al museo delle maschere un carnevale speciale

Antiche collezioni in mostra in Friuli Venezia Giulia

Alla scoperta di storie e tradizioni dimenticate attraverso le maschere suggestive esposte nei numerosi musei etnografici della regione. Da quello di Udine a quello di Malborghetto, dal Museo carnico delle arti e tradizioni popolari di Tolmezzo a quello dell'arte e della civiltà contadina di Andreis. Per finire tra le sorprese di Casa Ruttar a Clodig di Grimacco nelle fantastiche Valli del Natisone. Un viaggio avventuroso nei carnevali del passato.

La pittura del silenzio di Lorenzo Vale

In mostra alla galleria Arké di Venezia

La poetica metafisica del giovane artista friulano diplomato all'Accademia di belle arti di Venezia, appare in questa mostra a lui dedicata come trasfigurata e sollevata dalla tristezza e dallo smarrimento incombenti su molte delle vedute. Opere profonde segnate da un limpido colorismo e da simboli che si accavallano e si intersecano nella mente. Una spazialità senza confini sottolineata dai sentieri infiniti della fantasia. Da vedere fino al ventuno di febbraio.

Ti saluto, devo partire vado a fare il maiale

Un'originale iniziativa in programma in Emilia

L'hanno battezzata Il maiale in cattedra. Si tratta di una pig full immersion, come è stata definita, tutta dedicata a sua maestà il suino, in programma presso l'Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense. È un corso di approfondimento sui salumi della durata di una settimana in cui la famiglia Spigaroli, già apprezzata da Giuseppe Verdi, svela tuttii segreti della lavorazione del maiale. Ideale non solo per gastronomi e appassionati, ma anche per professionisti del settore come salumieri e bottegai.

Resuscita in questura el muerto vivo di Ganz

La polizia apre la sua sede alle presentazioni di libri

È un giallo in piena regola l'ultimo lavoro dello scrittore e armonicista blues Paolo Ganz dal titolo El Muerto Vivo, pubblicato dalle edizioni La Toletta di Giovanni Pelizzato. La presentazione è avvenuta nei locali della polizia di Venezia, a Ca' Ziani, alla presenza del questore Angelo Sanna, in quegli stessi luoghi in cui si svolge la vicenda, e dove operano personaggi come il commissario Ettore Premoli e il giovane agente Garibbo.

Il Rinascimento fiammingo firmato Hans Memling

Una rassegna prestigiosa curata da Jill-Holger Borchert

Alle scuderie del Quirinale a Roma esposte per la prima volta in Italia le opere dell'artista fiammingo che stregò i pittori italiani del Quattrocento e che fu a sua volta influenzato dal nostro Paese. Un insieme di capolavori principalmente ispirati al mondo della natura, come le molte produzioni di arti decorative e artigianali, dai tassuti agli arazzi, dalle stoffe ai manufatti, dai libri alle miniature.

Expo, non è ancora nata e già non sopporta i gay

Nuove polemiche a Milano intorno all'esposizione universale

Il marchio della traballante e contestatissima Expo milanese appare a sorpresa sulla locandina di un convegno apertamente omofobo organizzato a Milano da un'associazione integralista cattolica con il beneplacito della Regione Lombardia. Le forze democratiche chiedono che il logo venga rimosso e che non vi siano titubanze e ambiguità. Sul tema ospitiamo un intervento scritto da Rosaria Iardino, consigliere comunale del Pd di Milano.

Se non siamo tutti Charlie

Cherif Kouachi, Said Kouachi, Amedy Coulibaly, non so se là dove siete finiti riuscite a leggere fin qui. Non so se siete finiti nel cielo di qualche eroe, nel paradiso di un qualche martire di una qualche causa più o meno nobile, o più probabilmente in nessun posto. In ogni caso, qualora riusciste a leggere, sappiate che la vostra battaglia, quella che avete combattuto in terra con tanto ardore, l'avete miseramente perduta.

Cercando Americanova e il tesoro nascosto di un sacco di pannocchie

Storie dei pionieri della bonifica nelle terre strappate alla palude

Il punto di riferimento è la rotonda di Ponte Capitello. Il ponte, piccolo, c'è ancora, forse anche il capitello che gli ha dato il nome. Siamo a nord della provincia di Venezia, fra San Donà di Piave e Caorle, un chilometro a sud del fiume Livenza che lambisce Boccafossa di Torre di Mosto. Qui la storia sembra aver lasciato ben poco, se si eccettua l'epopea della bonifica e pittoresche memorie contadine non solo di guerra.

Auguri integralisti

Charlie Hedbo: l'ultima vignetta profetica di Charb

«Ancora nessun attentato in Francia» e, sotto, il talebano armato e stravolto che dice: «Aspettate. Abbiamo fino alla fine di gennaio per fare gli auguri». Questa è l'ultima vignetta di Stephane Charbonnier, direttore del settimanale satirico Charlie Hebdo dal 2009 ucciso insieme ad altre undici persone nell'attentato terroristico compiuto il 7 gennaio 2014 a Parigi nella sede del giornale.

Aisha e Aleksandre lacrime e bugie

Più lacrime per la giraffa che per l'ippopotamo. Aveva commosso l'Italia, due anni fa, la storia di Aleksandre, la giraffa maschio di quattro anni morta di crepacuore a Imola dopo essere scappata dal circo di Rinaldo Orfei. La morte di Aisha, un ippopotamo femmina di otto anni, uccisa da un'auto a Macerata dopo essere stata liberata in un blitz animalista dal circo di Miranda Orfei, non ha destato la stessa indignazione.

Lettera al premier Renzi di un candidato al nobel

Per chiedere più considerazione per la scuola e i suoi docenti

Daniele Manni insegna informatica all'istituto di istruzione superiore Galilei-Costa di Lecce da ventotto anni. È uno dei cinquanta finalisti al mondo (due italiani, l'altra è Daniela Boscolo) al Global Teacher Prize, una specie di premio Nobel per l'insegnamento, selezionato perché «non segue lo stile tradizionale di insegnamento italiano, miope e passivo». Guadagna 1.300 euro al mese, potrebbe vincere 1 milione di euro. Al premier Renzi ha scritto una lettera. La pubblichiamo integralmente.