In ordine cronologico

Stappano l'Amarone in cinquantuno Paesi

Un nuovo traguardo per l'azienda veneta

Il Vino degli Dei di casa Bottega, com'è stato battezzato per le sue caratteristiche, ha conquistato i mercati dell'Europa, la Germania innanzitutto, e quelli delle Americhe, dell'Asia e del Medio Oriente. Particolare successo sta riscuotendo l'annata 2011, che sviluppa una gradazione importante di sedici gradi e mezzo, e che presenta sentori straordinari di amarena, di viola e di tabacco.

Dal Risorgimento alla Grande Guerra così siamo cambiati

Al museo d'arte di Ravenna

Un'ampia mostra documenta la rappresentazione del paesaggio italiano dalle premesse dell'unità del Paese fino alla partecipazione al primo conflitto mondiale di cui quest'anno si celebra il centenario. Straordinari documenti pittorici dei maggiori artisti italiani e insieme spaccati di vita quotidiana come specchio di diverse condizioni sociali in un tempo di grandi trasformazioni politiche, economiche e culturali.

Mare monstrum

Quando parecchi anni fa arrivarono gli albanesi, che furono i primi stranieri a sbarcare profughi sulle coste italiane, molti dissero che era per colpa della televisione. Quella italiana, s'intende. In Albania si vedeva. E gli albanesi, che non erano mai stati in Italia, credevano che l'Italia fosse quella che vedevano in televisione. Il Paese del bengodi, tutto lustrini e paillettes, champagne e belle donne. Per quello, si diceva, venivano in Italia.

In viaggio nella terra dei vulcani dormienti

Tra Bonn e Treviri, in Germania

Paesaggi spettacolari lungo i duecento e ottanta chilometri della strada tedesca dei vulcani. Hanno diecimila anni di vita e per il momento sono innocui. Nel senso che non vi sono eruzioni. Sembrano addormentati. Ma si tratta di vulcani ancora attivi, certificano gli scienziati. Si può anche provare l'emozione (simulata) di vulcani che fumano di nuovo, di laghi che si aprono all'improvviso, e di fiumi di lava che scorrono impetuosi.

Sotto la maschera della sicurezza

La lettura della mano di Ciro

Se l'istinto è tentatore

La lettura della mano di Udemira

Frida piccola dea del grande Diego

Le avventure delle coppie celebri - 2

Continuiamo il nostro viaggio a ritroso nel tempo fra intrighi e misteri delle coppie più famose del mondo, unite dall'amore e dalla ricerca artistica. In questa seconda puntata del ciclo Amanti nell'arte, la storia tenera, appassionata e tragica di Frida Khalo e Diego Rivera sullo sfondo di un Messico appena uscito dalla rivoluzione. Furono amanti, poi si sposarono, divorziarono, si sposarono di nuovo. Un amore assoluto e impossibile.

Gli arabeschi di Matisse

In mostra a Roma alle Scuderie del Quirinale

Novanta opere tra dipinti, disegni e costumi teatrali riunite in un prestigioso e suggestivo percorso intitolato a Matisse. La rassegna è incentrata sulla fascinazione per l'Oriente da parte del celebre pittore, e sul suo interesse verso mondi esotici e fiabeschi e culture ancestrali e lontane. Ci sono anche le scenografie per i balletti di Diaghilev. Si tratta di opere appartenenti alle più importanti collezioni del mondo, che provengono da musei europei, russi e americani.

Disegno e dinamite quel sogno anarchico fatto di carta

Due mostre originali a Lecco e a Mendrisio

Per il progetto Addio Lugano bella dedicato ai movimenti anarchici, due rassegne sui temi dell'illustrazione satirica delle maggiori riviste anarchiche europee fra Ottocento e Novecento. Molti artisti dai nomi famosi si impegnarono nell'operazione. Avevano maturato la convinzione che la pittura e la letteratura potessero venire messe al servizio di una causa rivoluzionaria. Un sogno presto svanito.

Il viaggio misterioso dei neuroni specchio

Ai confini della nostra mente

Il nostro esperto Enzo Bordin, profondo conoscitore dei meccanismi del pensiero, ci guida con mano sicura nei primi passi verso una nuova e affascinante esplorazione. Si tratta di andare incontro a un nuovo orizzonte della realtà per arrivare a capire come l'universo risulti assai diverso di quanto crediamo. La lezione delle menti sapienziali più illuminate dell'umanità. Tutto questo grazie alla scoperta dei neuroni specchio, la novità più significativa nel campo della neuroscienza sociale.

Le mani della mafia sul turismo a Venezia

Un fenomeno sempre più allarmante

La commissione parlamentare antimafia in visita a Venezia legittima le preoccupazioni sul rischio di infiltrazioni della mafia e delle altre organizzazioni criminali nel territorio lagunare. L'allarme lanciato dal sociologo e scrittore Gianfranco Bettin, già assessore comunale. Il caso inquietante del terminal del Tronchetto, l'eredità della banda di Felice Maniero, e il ruolo oscuro di un boss di Cosa Nostra, Vito Galatolo, che lavorava per una società turistica veneziana, e che ha deciso di collaborare con gli inquirenti.

Se bande di ubriachi devastano il Vinitaly

La fiera del vino finisce fuori controllo

Degrado, risse, pericoli, hanno turbato l'ultima edizione, appena conclusa, della più prestigiosa rassegna vitivinicola italiana, quella di Verona. Una lettera aperta dell'imprenditore trevigiano Sandro Bottega, titolare dell'omonima azienda che produce vini, grappe e liquori, mette il dito sulla piaga. E chiede interventi immediati a tutela della dignità della manifestazione e dell'incolumità di espositori, clienti e partecipanti. Altrimenti si vedrà costretto a meditare un clamoroso abbandono.

Costa ricca mi ci ficco

Non conosco l'arte del Costa Rica. Però magari potrebbe essere interessante conoscerla. Per quel pochissimo che ne so, è un'arte antichissima, precolombiana addirittura, fatta di dipinti colorati di uomini e di animali, di grandi sculture in pietra, bassorilievi, statuette, maschere da cerimonia, ceramiche, vasi con decorazioni policrome che variano dai temi geometrici a quelli zoomorfi.

La strage degli elefanti nelle foreste del Gabon

Un massacro vergognoso e senza precedenti

Nel parco nazionale di Minkébé sono stati uccisi da bande di bracconieri dodicimila pachidermi dal 2004 ad oggi nell'indifferenza delle associazioni animaliste. A fare gola è l'avorio delle loro zanne, comperato a cento dollari al chilo e rivenduto sul mercato cinese a duemila. Un affare colossale che vede organizzazioni criminali collegate alla mafia pakistana e a gruppi di ribelli vicini a Boko Haram. Il sospetto che alcune azioni terroristiche vengano finanziate con i proventi della vendita illegale dell'avorio.