In ordine cronologico

Ore 8 tutti in pista lezione di acrobatica

Spettacolare esibizione dei nuovi talenti

Il saggio annuale dell'Accademia d'Arte Circense di Verona, l'unica a convitto di tutta Europa, un autentico gioiellino che il mondo invidia all'Italia. Una fucina di talenti usciti in trent'anni di attività, che oggi lavorano nei migliori circhi, varietà e parchi di tutto il mondo. Fondata da Egidio Palmiri e diretta da Andrea Togni, due nomi che sono una garanzia, ha presentato quest'anno ventuno numeri tutti di ottimo livello. Cinque i ragazzi diplomati. Tra il pubblico, spettatori di eccezione come il direttore del Festival del circo di Montecarlo, Monsieur Urs Pilz. Tra gli ospiti, le tre sorelle Bello, attualmente in scena al Roncalli.

Quando al circo arriva Bach

Al festival di Matera

Un interessante esperimento di circo contemporaneo all'antica, che sembrerebbe un paradosso, e invece, se declinato bene, può dare luogo a piacevoli sorprese. E' quello messo in scena dal circo italiano El Grito e intitolato Johann Sebastian Circus. Dove la musica di Bach, spesso stravolta, diventa un magico pretesto per alternare atmosfere sognanti e surreali proprie del circo contemporaneo, a esercizi di base, acrobazie e giocolerie tipiche del circo classico. Un'ardita mescolanza. Il risultato di massima è gradevole, e lo spettacolo è piacevole, con molti picchi di originalità. E un pizzico di presunzione.

Sarà una bella società Il ritorno di Shel Shapiro

Al teatro Miela di Trieste

Shel Shapiro, cantante e leader dei Rokes, uno dei migliori complessi dell'epoca beat, torna sulle scene con uno spettacolo di musica e parole scritto insieme a Edmondo Berselli: "Sarà una bella società", il titolo preso in prestito da una delle sue canzoni più famose. Il cantante, che a settanta cinque anni appare ancora in splendida forma, si muove a suo agio fra le canzoni e i ricordi della rivoluzione culturale del Sessantotto. Sul filo della nostalgia si alternano, applauditissimi, non solo i grandi successi dei Rokes, ma anche storici brani di Bob Dylan e Johnny Cash. Peccato per la pessima acustica del teatro.

Poeti in erba poeti di...versi

Un libro molto speciale

Ventisette alunni della scuola elementare "Carraresi" di Padova hanno provato a poetare alla maniera di Ungaretti, Cardarelli, Leopardi, Sinisgalli e Brodskij, seguendo un'appassionata e innovativa iniziativa didattica dell'insegnante Paola Corradin. Alla fine ne è uscito un libro affascinante, data l'età dei poeti, pubblicato dalla Michael Edizioni di Treviso, che disvela i sentimenti più profondi dell'animo dei bambini, e riserva anche alcune sorprese molto piacevoli. Dietro questo lavoro una precisa strategia educativa, spiega l'insegnante, per entrare con leggerezza nell'emotività degli scolari.