Le Dame dei Pollaiolo

Le Dame dei Pollaiolo

Una bottega fiorentina del Rinascimento

Laura Novello

Per la prima volta riunite assieme le quattro dame fiorentine, ritratti esposti al Museo Poldi Pezzoli di Milano: sono le protagoniste dipinte da Antonio e Piero Pollaiolo. Riuniti per la prima volta nella loro storia altri tre ritratti attribuiti nel tempo ai fratelli Pollaiolo, grazie ad importanti prestiti internazionali.

Piero del Pollaiolo, Ritratto di giovane donna, 1465 (tempera e olio su tavola di pioppo, cm 52,5 x 36,5  ©Berlino, Gemäldegalerie, Staatliche Museen zu Berlin, Preußischer Kulturbesitz).
Piero del Pollaiolo, Ritratto di giovane donna, 1470-1475 circa (tempera e olio su tavola, cm 45,5 x 32,7  ©Milano, Museo Poldi Pezzoli).
Piero del Pollaiolo, Ritratto di giovane donna, 1480 circa (tempera e olio su tavola, cm 48,9 x 35,2  ©New York, The Metropolitan Museum of Art).
Piero dePollaiolo, Ritratto di giovane donna, 1480 circa (tempera e olio su tavola, cm 51,5 x 34,8  ©Firenze, Galleria degli Uffizi).
Antonio del Pollaiolo, Busto di giovane in armatura da parata, 1460 circa (terracotta, cm 49,8 x 30 x 22  ©Firenze, Museo Nazionale del Bargello).
Antonio del Pollaiolo, Progetto per un monumento equestre a Francesco Sforza, 1484 circa (o 1474 - 1476) (gesso nero, penna e inchiostro bruno, acquerello bruno, mm 224 x 216  ©Monaco di Baviera, Staatliche Graphische Sammlung).
Piero del Pollaiolo, Ritratto di un giovane uomo 1470-1475 circa (carboncino, tracce di stilo e di acquerello marrone su carta, mm 391 x 247  ©Dublino, National Gallery of Ireland).

MILANO – Il Museo Poldi Pezzoli presenta una preziosa rassegna dedicata dedicata all’arte dei Pollaiolo. L’obiettivo è di riunire una selezione di opere proveniente dalle botteghe dei due più celebri artisti del XV secolo, Antonio e Piero del Pollaiolo; una grande e rara occasione per far conoscere aspetti inediti di ricerca artistica al grande pubblico.

Antonio (Firenze 1431/32-Roma 1498) e Piero di Jacopo Benci (1441/1442 – ante 1496) detti del Pollaiolo a causa dell’attività svolta dal padre, venditore di polli al mercato vecchio di Firenze, furono tra i maggiori protagonisti del Rinascimento fiorentino del XV secolo. Antonio, il maggiore d’età fu soprattutto orafo, ma la sua versatilità tecnica e la sua capacità disegnativa gli permisero realizzare incisioni, oltre che dipinti e sculture. Piero invece si dedicò esclusivamente alla pittura realizzando molteplici dipinti per committenze pubbliche e private, avvalendosi molte volte dei disegni di Antonio. Insieme a loro collaborava anche un terzo fratello Silvestro scomparso prematuramente.

La mostra milanese ripercorre la storia dei fratelli fiorentini, il percorso inizia con il simbolo del Poldi Pezzoli Il ritratto di giovane donna di Piero del Pollaiolo appartenente alla collezione del Poldi, considerato uno dei magnifici capolavori dell’arte della ritrattistica del Rinascimento. Accanto a questa dama cittadina vengono riuniti – per la prima volta nella loro storia – altri tre ritratti attribuiti nel tempo ai fratelli Pollaiolo, grazie ad importanti prestiti da istituzioni: Metropolitan Museum di New York, Galleria degli Uffizi di Firenze e la Galerie di Berlino.

I quattro splendidi ritratti appartengono al genere di ritratto nuziale. Sono importanti perché consentono di di conoscere la società di fine medioevo e sono unici, in quanto realizzazioni reali (non d’invenzione) e costituiscono un utile riferimento per lo studio delle tecniche pittoriche e del disegno dell’epoca.

Oltre ai ritratti delle quattro dame esposti in mostra anche importanti dipinti di medio e piccolo formato che evidenziano le differenze della cultura pittorica di Antonio caratterizzata da un segno vigoroso carico d’energia, e di quella di Piero, più preziosa e materica, attenta alle sfumature e alle trasparenze. Provenienti dalla sua bottega anche sculture, terrecotte e bronzi.

Nel 2015 verranno inoltre approfonditi – nel corso di convegni e conferenze – studi e indagini scientifiche a cura dell’Opificio delle Pietre dure di Firenze assieme ai Laboratori di restauro dedicate a particolari aspetti dei fratelli Pollaiolo nelle varie arti e nei diversi periodi della loro attività. La mostra è a cura di Aldo Galli, Andrea Di Lorenzo e Annalisa Zanni rispettivamente, conservatore e direttrice del Museo Poldi Pezzoli. Con il sostegno della Fondazione Bracco, Fondazione Cariplo e Regione Lombardia in collaborazione con il Comune di Milano e l’Associazione Amici del Poldi e Skira editore che ha realizzato il catalogo dell’esposizione.

Grazie inoltre alla Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, durante tutto il periodo della mostra saranno organizzati percorsi speciali e laboratori e visite per adulti e ragazzi a cura dei Ludosofici. La mostra è inserita nell’ambito di Milano Expo città 2015.

Novembre, 2014