Lengua Veneta a gogò

Lengua Veneta
a gogò

Sora de le recenti decisiòn del governo de la regiòn veneta

Andrea Silvestri

E come che xe e come che no xe, eco qua che gavemo pronto el toco in venexiàn. Mi (Andrea Silvestri, servo vostro lustrissime ecelenze, anca se no ve servo a gnente) e el Mauri (Maurizio Vianello el più zovine pensionato de Venessia e anca no) semo pena tornai da una serie di vilegiature dentro e fora de la penisola italiana; che subito el diretor me ga telefonà ordenandome de scrivere calcossa su le recenti decision de la region del Veneto sora l'uso delle lingue: italiana e veneta. Scrivo de furia parché gavemo (mi e 'l Mauri) l'aereo par le Maldive che ne speta quasi pronto zò a Tessera.

Pietro Longhi, Lezione di geografia (1752, olio su tela, 61 × 49, Venezia, Fondazione Querini Stampalia; particolare).

COSMOPOLI – Disemo subito che a furia de andar in vacanza mi e 'l Mauri, dentro de i arberghi i crede che semo una copia ghei. E devo dir che se i conossesse me mugièr, anca in fotografia, subito i diria, che in effetti infatti: xè proprio cussì. De le matine vardo el Mauri e 'l me par molto più dona de me mugièr, non ostante che 'l se gabia fatto cresser ea barba e ch'el fuma anca el toscan. Ma comunque insomma no semo gnancora rivai a 'sto punto, e forsi no ghe rivaremo gnanca mai. Visto che ormai el magrasso xè mejo del sesso.

Comunque no xè de questo ch'el diretor me gà ordinà de scriver. I gà deciso dentro de la region del Veneto, che i veneti gà da esser «minoransa nasional» e bisogna che i scomincia l'insegnamento dea lingua veneta ne le scuole e l'uso del dialetto nei ufici publici e parfin ne la toponomastica, cartei stradai compresi. E che ai foresti che vol lavoràr (lavoràr xè un fià esagerà, ma insomma) drento de le aministrassiòn pubbliche, e forse dopo anca in altri lavori, i gà da farse l'esame de lingua veneta, oltre che savèr, logico, l'italiàn.

Disèmo subito che su sta roba qua no gò miga un'idea precisa (come che diria me mugier: «quel cassiòl de mio marìo no'l sa ma gnente de preciso»). Cussì a scotadeo diria che, pur co le debite maniere, essar considerà una minoransa no xè miga tanto beo; e che pò (co l'acento par distinguarlo da po' «poco» e da po «fiume») i gà da spiegarme sta storia de la «lingua veneta» visto e considerato che de là dal ponte (dea libertà) i parla tuti campagnolo.

Più interesante xè stada invesse la reassiòn del Mauri. Praticamente edentica a quea ch'el gà buo in spiagia a Puchet quando che'l credeva de far capoto a magrasso, contro 'na copia (quea sì ghèi) de mestrini, e invesse i che gà roba l'ultima màn co na scartea (e dopo gera colpa mia, ovvio). Gerimo da Ciang «ai Amighi» (in campo san Zuane Degolà, per essare precisi) a bevarse un par de spriss (col bìte) par tirarse su dal viagio de rientro e prepararse par queo de andata. Co'l gà leto ea notissia sul gasetìn el xè deventà tuto rosso in volto, come se el gavesse respirà l'oliva intiera col stecadente impirà.

El gaveva i suori su le tempie e anca e lagrime zò dai oci: «Gera ora!» El gà esclamà a bota crua. «Viva l'Indipendensa! viva Venessia! viva la Republica!». Ghe gò fato notar che no gera miga un proclama de Daniele Manin, ansi. E ghe gò anca sclarificà che no se parla de Venexia, ma de'l Veneto, e de la lingua veneta e dei comuni del Veneto. «E no ostia!» el gà crià. «No esiste! Xè imposibile! I gà da averse sbaglià. Esiste solo una lengua: el venessiàn. Esiste solo un teritorio: el Stato da Tera deto anca Domini di Terraferma! Qualo veneto e quala lengua veneta! Eresie! Busìe! Fandonie!».

Considerando che el Mauri gà le idee molto chiare praticamente su tuto, gò ben pensà de no insister co' ulteriori spiegazion de la storia e de la geografia. El Mauri xè sta sindacaista comunista; el par cativo, sopratuto desso co'l barbòn, el peo sul peto co drento ea medagia de la madonna tacada co la falce e marteo e el leon de San Marco (co'l libro serà), ma el xè bon come el pàn. El gà anca pianto do giorni co' xè morto Fidèl (no Castro: el so gato de vintidò ani). Ma co' ghe vien i sinque menuti, el xè tremendo: «I sagiarà el fero de la Dominante co' gavaremo fato saltar el ponte e messo a fogo e fiamme le campagne di sti quatro sculassavache! Lengua veneta! Ghe sboro!»

Me gò bevuo tuto el spriss e ghe gò fato segno al Ciang de pareciarne subito altri do. El Ciang, invesse, che gà subito tiolto su el gasetìn par lezer cossa che gavesse tanto inquietà el Mauri e mi, subito lezendo el gà dito: «Màliavèlgine spelemo che no i me fassa l'esame de italiàn!».

'Desso ve saludo che gavemo da tòr l'alilaguna e 'ndar subito ae Maldive fin a dopo la Befana. Parché l'eredità del Mauri xè megio spendarla subito: prima che la finissa. Tanti saluti e auguri a tuti e speremo che i la finissa presto co' sta storia, che in venessiàn ghe xè massa acenti ics e apostrofi che subito vado in confusiòn!

Dicembre, 2016