Un raffinato collezionista

Un raffinato
collezionista

A Ca' Pesaro opere scelte da Giuseppe Panza di Biumo

Maria Luisa Pavanini

Quello che appare subito chiaro a chi visita la mostra che Ca' Pesaro sul Canal Grande a Venezia dedica a Panza di Biumo è la coerenza,l'intuito e la passione per l'arte contemporanea di questo straordinario collezionista che, tra il 1966 e il 1976 acquistò seicento opere d'arte mosso unicamente dal suo gusto.

Max Cole (Hodgeman County, Kansas, 1937) Delta III,1982 Acrilico su tela, 172,7 x 411,4 cm Collezione Panza, MC29 Ⓒ Alessandro Zambianchi – Simply.it, Milano (particolare)
Hanne Darboven (Monaco di Baviera, Germania, 1941 – Amburgo, Germania 2009) 43 Drawings,197172 Inchiostro su carta, 43 fogli, ciascuno 41,5 x 29 cm Collezione Panza, HD05 Ⓒ Alessandro Zambianchi – Simply.it, Milano (particolare)
Walter De Maria (Albany, California, 1935 New York, 2013) Balldrop,1961 Scatola di compensato con scritte a matita e palla di legno, edizione di 6, 193,7 x 61 x 16,2 cm New York, Solomon R. Guggenheim Museum, Panza Collection, Donazione 1992, inv. 92. 4111 © Walter De Maria. Ⓒ David Heald
Dan Flavin (Jamaica, New York, 1933 Riverhead, New York, 1996) Untitled (To Don Judd, Colorist), 1987 Numero 1 di un’edizione di 5, installazione di 5 parti Collezione Panza, DF45  Immagine dell'allestimento realizzato in occasione della mostra Dan Flavin. Stanze di Luce tra Varese e New York, Varese, Villa Panza FAI, 30 settembre 12 dicembre 2004 Ⓒ Giorgio Colombo, Milano
Donald Judd (Excelsior Springs, Missouri, 1928 New York, 1994) Untitled,1970 Alluminio anodizzato chiaro e viola, edizione di 3, 21x643,9x20,3 cm  New York, Solomon R. Guggenheim Museum, Panza Collection, inv. 91.3715 © Judd Foundation. Licensed by VAGA, New York, NY Ⓒ David Heald
Franz Kline (WilkesBarre, Pennsylvania, 1910 New York, 1962) Buttress, 1956 Olio su tela, 117,48 x 141,61 cm Los Angeles, The Museum of Contemporary Art, The Panza Collection Ⓒ Brian Forrest
Joseph Kosuth (Toledo, Ohio, 1945) Nine Paintings with Words as Art, 1966 Olio su tela, 9 tele grigie con parole bianche, ciascuna 55 x 95 x 4 cm; totale 55 x 897 x 4 cm Collezione Panza, JK27 Ⓒ Alessandro Zambianchi – Simply.it, Milano (particolare)
Roy Lichtenstein (New York, 1923 1997)  Man with Folded Arms, 1962 Olio su tela, 178,44 x 122,56 cm Los Angeles, The Museum of Contemporary Art, The Panza Collection © Estate of Roy Lichtenstein, Ⓒ Brian Forrest
Claes Oldenburg (Stoccolma, Svezia, 1929) Blue and Pink Panties, 1961 Mussola imbevuta di gesso su struttura di metallo, dipinta con smalto, 160, 02 x 93,98 x 12,7 cm Los Angeles, The Museum of Contemporary Art, The Panza Collection, inv. 87.13 Ⓒ Douglas M. Parker Studio
Robert Rauschenberg (Port Arthur, Texas, 1925 Captiva Island, Florida, 2008) Kickback, 1959 Olio, smalto, legno, tessuto, pantalone, cravatta, frammento di rilievo di materasso, busta, giornale, cartone, cartoline, fotografie di riviste, coperchio di scatola di fiammiferi, e cartello di legno di recupero su tela,  92, 09 x 81, 92 cm Los Angeles, The Museum of Contemporary Art, The Panza Collection, inv. 87.17  © Robert Rauschenberg/Licensed by VAGA, New York, NY, Ⓒ Brian Forrest
James Rosenquist (Grand Forks, North Dakota, 1933) Waves, 1962 Olio su tela, 142, 56 x 198,12 cm Los Angeles, The Museum of Contemporary Art, The Panza Collection © James Rosenquist/Licensed by VAGA, New York, NY, Ⓒ Squidds and Nunns
Mark Rothko (Dvinsk, Russia, oggi Daugavpils, Latvia 1903 New York, 1970) Red and Brown, 1957 Olio su tela, 175, 26 x 109,86 x 2,54 cm Los Angeles, The Museum of Contemporary Art, The Panza Collection  © Kate Rothko Prizel & Christopher Rothko/ Artists Rights Society (ARS), New York, Ⓒ Brian Forrest
Robert Ryman (Nashville, Tennessee, 1930) Murillo, 1968 Acrilico su carta, 201 x 240 cm Collezione Panza, RRY08 Ⓒ Alessandro Zambianchi – Simply.it, Milano
Jonathan Seliger (New York, 1955)  Yoohoo, (Yellow Milk Box), 1995 Olio, resina alchidica, acrilico, pasta per modellare, soluvar su tela, 23,2x8x7,5 cm Collezione Panza, SEL63 Ⓒ Alessandro Zambianchi – Simply.it, Milano
Richard Serra (San Francisco, California, 1939) Template, 1967 Gomma vulcanizzata, dimensioni variabili, 243,8 x 99,1 x 0,3 cm circa New York, Solomon R. Guggenheim Museum, Panza Collection, 1991, inv. 91. 3864 Ⓒ Kristopher McKay
Antoni Tàpies (Barcellona, Spagna, 1923 2012) Grey Painting with Reddish Sign, 1958 Tecnica mista su tela, 145,42 x 88,27 cm Los Angeles, The Museum of Contemporary Art, The Panza Collection, inv. 87.24 © Fundació Antoni Tàpies / Artists Rights Society (ARS), New York / VEGAP, Madrid
Giuseppe e Giovanna Panza presso la Leo Castelli Gallery di New York, 1975 Ⓒ Filippo Formenti, Milano
Pierre Restany e Giuseppe Panza alla XXXXII Biennale di Venezia, 1986 Ⓒ Bepi Bortoluzzi, Varese Archivio Panza, Mendrisio

VENEZIA — Durante gli anni cinquanta questo raffinato e intelligente amante dell'arte sviluppa la propria sensibilità artistica attraverso la frequentazione del critico francese Pierre Restany e dei galleristi romani attenti agli sviluppi dell'arte americana.

Il primo incontro è con Franz Kline nel 1958 di cui acquista quattro disegni e più tardi dodici grandi tele. Sempre negli anni cinquanta scopre Rauschenberg quando tutte le opere di questo artista erano disponibili e nessuno le voleva comprare. Quando il signor Panza di Biumo s'innamora di un'artista non si limita a comprare un'opera ma ne acquista una serie per poter avere un'idea completa, il senso di ciò che l'artista voleva realizzare in un momento della sua carriera artistica.

A Ca' Pesaro si possono ammirare tutti i più importanti esponenti dell'arte americana degli anni cinquanta e sessanta da Rauschenberg a Jhons, Kline, Rothko, Oldenburg e Lichtenstein.

Il ruolo di Panza di Biumo fu fondamentale per far conoscere ed apprezzare anche in Europa l'arte americana. Panza nelle sue scelte si trovò a dover superare prima di tutto il preconcetto che l'arte americana fosse provinciale e di scarso valore rispetto all'europea.

A Ca' Pesaro si possono ammirare quaranta opere di ventisette artisti che rappresentano l'arte americana del secondo dopoguerra.

La coerenza della collezione rivela come questo intelligente mecenate, morto nel 2010, sia stato spinto ad acquistare molte opere solo perché vedeva in esse una rivelazione, un significato cromatico o formale che lo affascinava. I suoi interessi spaziano dalla Pop-Art alla Minimal-Art e all'Arte Concettuale.

Uomo profondo nella conoscenza e nell'analisi storica dell'arte contemporanea è stato guidato nelle sue scelte da un'idea dell'arte come valore estetico ed etico. Giuseppe Panza di Biumo ha sempre operato fuori dal coro lasciandosi guidare solo dalla sua raffinata sensibilità artistica. ★

Giuseppe Panza di Biumo
Dialoghi americani
_

Ca’ Pesaro, Galleria Internazionale d’Arte Moderna, Venezia
2 febbraio - 4 maggio 2014

A cura di Gabriella Belli e Elisabetta Barisoni, con il progetto espositivo di Daniela Ferretti, la mostra è ospitata negli ampi spazi della prestigiosa Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro, che, in linea con quanto avviato con il recente restyling, si aprono ad accogliere mostre di peso internazionale dedicate alle sperimentazioni del XX secolo.

Catalogo Marsilio – Venezia, con testi di Gabriella Belli (direttore Fondazione Musei Civici di Venezia), Ted Mann (Assistant Curator della Panza Collection al Guggenheim di New York), Alma Ruiz (Senior Curator al MOCA di Los Angeles) e Elisabetta Barisoni (curatore Mart e dottoranda Università degli Studi di Verona).

Febbraio, 2014