Un salto nel blu

Un salto
nel blu

Alla Galleria Il Dictynneion in Campiello del Sol a Rialto la mostra di Antonella Bottacin «Jump in the blues».

Antonella Bottacin, Quando Tempesta (particolare).

VENEZIA (m.l.p.) — Si è tenuta dal 16 al 29 giugno scorsi la mostra di Antonella Bottacin «Jump in the blues» alla Galleria "Il Dictynneion" in Campiello del Sol a Rialto. Nei suoi dipinti la superficie pittorica si addensa formando grumi di colore dai bordi slabbrati ad evocaresuperfici lunari. Lo spazio indefinito presenta misteriose alchimie di colori e di forme in cui si intravedono immagini non sempre rassicuranti. in "Breaking to alive" da un vortice di segni emerge un muso di gatto che il dinamismo deforma e rende quasi un'evocazione surreale. L'artista ama la natura che riesce a rivisitare in modo personale ed emotivo con la forza del segno e del colore,il suo mondo interiore si fonde allora con la realtà circostante ed assume aspetti nuovi e sorprendenti. Il riferimento all'Informale è evidente ma non vi è in questa artista la forza distruttiva e polemica di Burri e Pollock, vi è invece a mio avviso, il desiderio di scoprire anche nel quotidiano aspetti di inquietudine e di sottile angoscia. Cosi il gatto diventa una creatura che sfonda lo spazio per perdersi e disperdersi in linee sinuose di un profondo azzurro.
Antonella vuole sorprendere e comunicare tutta l'intensità delle sue emozioni. ★

Luglio, 2012

Altre immagini: 

Antonella Bottacin, Quando Tempesta (particolare).
Antonella Bottacin, Quando Tempesta (particolare).
Antonella Bottacin, Quando Tempesta (particolare).
Antonella Bottacin, senza titolo.
Antonella Bottacin, senza titolo.
Antonella Bottacin, senza titolo.