Come aiutare gli artisti e le industrie culturali

Dopo la catastrofe

Come aiutare gli artisti e le industrie culturali a riprendersi dal disastro COVID-19?

È necessario cominciare a pensare all’immediato futuro e alla ripresa delle attività culturali: ma come fare per risollevare uno dei settori (già in difficoltà) più colpito e (colpevolmente) trascurato dalle politiche d’emergenza? Tentiamo alcune risposte sulla base delle esperienze acquisite nel campo di altre catastrofi naturali. (da The Conversation).

 

Appena dopo la tempesta (fonte: flickr.com; user John Spade, CC BY 2.0).
Appena dopo la tempesta (fonte: flickr.com; user John Spade, CC BY 2.0).

Dire che il 2020 è stato difficile per le industrie culturali e creative è un eufemismo. Il COVID-19 è stato a dir poco una tempesta perfetta per i lavoratori di quelle industrie, che già sperimentavano condizioni precarie. Micidiali le chiusure di cinema teatri e spazi pubblici, e anche le restrizioni applicate ai viaggi, che hanno colpito altri settori economici, come l’ospitalità, ma da cui molti lavoratori dipendono per sbarcare il lunario.

Se questa pandemia fosse un altro tipo di disastro naturale, potremmo paragonarla al naufragio di una superpetroleria, ma con le le maree che continuano incessantemente a portare petrolio sui lidi già devastati: giorno dopo giorno dopo giorno, dopo giorno.

Alla fine, su chi possiamo contare per fornire parte dell’assistenza «post-disastro» tanto necessaria, e quando?

La ricerca applicata alla gestione delle catastrofi di altra natura offre approfondimenti su queste domande. È interessante notare come suggerisca che l’assistenza futura dovrà avere un aspetto molto diverso dalle risposte viste fino ad oggi.

Impatti negativi

A quasi un anno dall’inizio di questa pandemia, sembra che tutto sia stato detto. Conosciamo fin troppo bene la lotta, i licenziamenti e la terribile situazione finanziaria in cui si trovano ora molti artisti. Sappiamo di artisti e altri professionisti creativi che si spostano verso pascoli professionali più stabili e più verdi - a volte in senso letterale: scappano dalle città che costano sempre di più rispetto alla pre-pandemia. Forse più preoccupante: sappiamo che c’è un pesante costo mentale dell’inattività prolungata e dell’isolamento.

Tuttavia, ci sono stati anche barlumi, piccoli sprazzi, di speranza, promettenti innovazioni e a volte sorprendenti adattamenti di un settore artistico generalmente resiliente.

Possiamo ricordare i primi giorni in cui i mezzi di informazione coprivano ampiamente il fenomeno delle persone che cantavano o suonavano strumenti dai loro balconi. Nonostante la crisi, molti artisti affermati hanno trovato il modo di coinvolgere il pubblico e alcune persone in quarantena hanno riempito il tempo vuoto con l’artigianato, o le loro finestre con i dipinti.

Tali momenti positivi ci ricordano il valore e il potere della creatività, ma si collocano, ovviamente, in un contesto di dolore, ansia ed esaurimento.

Oltre il sollievo immediato

Ora è necessario guardare anche oltre il sollievo immediato per far fronte ai bisogni a breve termine degli artisti soddisfatti attraverso cose come programmi di sussidi di emergenza, programmi di sussidio salariale e altre forme di iniezioni di denaro. I successivi sforzi della fase cronica dovranno concentrarsi sul riordino, sulle analisi post-mortem, sull’autoanalisi e forse, cosa più importante, sulla guarigione.

Applicato alle industrie culturali e creative, ciò implica porre domande difficili sulle attuali condizioni di lavoro, stabilità finanziaria e riconoscimento sociale degli artisti, nonché ampliare aiuti non solo monetari, come ad esempio consulenze e assistenza per coloro che hanno dovuto resistere a una tempesta perpetua.

Solo allora il settore potrà dedicarsi a strategie di ricostruzione a lungo termine, che devono includere strategie di reinvestimento.

Ruolo dei settori creativi in ​​crescita

I recenti disastri, naturali o provocati dall’uomo, dimostrano che l’aiuto per le comunità devastate tende a venire da coloro che sono stati per la maggior parte non influenzati dalla situazione. Ad esempio, oltre novanta paesi hanno fornito assistenza logistica e finanziaria a New Orleans dopo l’uragano Katrina nel 2005, proprio come molte nazioni in tutto il mondo sono state veloci a soccorrere Beirut dopo le orribili esplosioni della scorsa estate. In superficie, questo può sembrare difficilmente applicabile nel contesto di una pandemia globale che ha colpito la maggior parte delle persone in qualche modo.

Tuttavia, quando si tratta di industrie culturali e creative, una manciata di settori come l’industria dei videogiochi e le piattaforme di streaming come Netflix hanno effettivamente registrato una crescita record negli ultimi mesi.

Suggeriamo che quelle aziende che hanno resistito alla tempesta, se non addirittura siano fiorite durante la pandemia, dovrebbero lanciare iniziative congiunte, supporto alla produzione, sponsorizzazioni e programmi dedicati per singoli artisti o piccole organizzazioni.

Inoltre, le competenze collettive tra questi settori potrebbero supportare le iniziative di trasformazione digitale per coloro che in precedenza non facevano affidamento sulla divulgazione online. Ciò include lo sviluppo di esperienze immersive su misura, ma scalabili, che consentono al pubblico di interagire con i creativi in ​​un contesto soprattutto informatico (digital first) o ibrido, non direttamente collegato a internet (digital-offline).

Luoghi più sicuri e accessibili

Oltre al reinvestimento, considerazioni sulle infrastrutture e  iniziative di comunicazione dedicate avranno un ruolo importante nella costruzione di comunità e imprese artistiche sostenibili. È significativo riprogettare i luoghi per renderli più accessibili, ma anche molto più sicuri sia per i mecenati che per gli artisti. Inoltre, ciò che serve sono programmi governativi per sostenere non solo le produzioni degli artisti, ma anche i sussidi per la stabilizzazione del costo della vita e dell’affitto.

Oltre a questo, è importante anche l’investimento del governo per promuovere il consumo di beni e servizi artistici da parte del pubblico. Una volta che la pandemia sarà finita, superare lo stigma delle riunioni di massa e le paure residue del pubblico sarà anche probabilmente una battaglia di comunicazione quotidiana, una battaglia in cui l’intero settore culturale dovrà unirsi in uno sforzo concertato per incoraggiare le persone a uscire.

Spazio universitario per l’incubazione

Allo stesso modo, mentre il resto dell’economia stava subendo un duro colpo, le università sono rimaste ragionevolmente al sicuro e privilegiate nonostante il crollo del mercato studentesco internazionale. È anche responsabilità delle università aiutare offrendo spazi e supporto programmatico per la sperimentazione e l’incubazione di progetti creativi, nonché programmi di riqualificazione e iniziative di ricerca nel futuro di questi settori.

L’attuale pandemia ha sconvolto molti di noi rendendoli consapevoli della minaccia rappresentata dai disastri, in particolare data l’interdipendenza e la complessità del mondo. Questo è il motivo per cui dobbiamo sviluppare strategie di emergenza, salvataggio e ripresa molto più sofisticate, in cui le parti interessate diverse dai semplici governi sono costrette a unirsi e sostenersi a vicenda in tempi di crisi.

 

Gli autori

Louis-Etienne Dubois -  Assistant Professor, School of Creative Industries, Faculty of Communication and Design, Ryerson University.

David Gauntlett -  Canada Research Chair in Creativity, Ryerson University.

Ramona Pringle -  Director, Creative Innovation Studio; Associate Professor, RTA School of Media, Ryerson University.