teatri

Merita delle repliche, ma tante, l’operetta Cin-ci-là messa in scena nel piccolo ma efficiente teatro comunale di Ca’ Savio - Cavallino - Treporti, una produzione del Coro Polifonico Ars Nova. Repliche ovunque. Occorre dire subito che conosciamo regista, maestro e quasi tutti gli attori, per cui questa è una recensione partigiana. Ma erano tutti concordi, dal ripetuto scroscio di applausi, che lo spettacolo è riuscito: divertente, spumeggiante, comico, pruriginoso e garbatissimo. Un delizioso successo.

Circhi

Gabriele Drago

Un’edizione di eccezione quella di quest’anno al Salieri Circus, dal 22 al 26 settembre. Artisti di quindici Paesi giudicati da una giuria tutta al femminile, e come ospite d’onore un’artista disabile, Silke Pan, con un numero che racconta la sua storia. Dedicata alle donne del circo anche la grande mostra storica al Museo della Fondazione Fioroni. E un ricco cartellone di eventi collaterali, rassegne, convegni, un mercatino di memorabilia circensi e i talk show «Dialoghi Acrobatici» tutte le mattine nella piazza del teatro con gli artisti del circo.

Dall'Archivio de Il Ridotto

persone

Ilaria Boscolo

Si è spento a Brescia, dopo lunga malattia trascorsa amorevolmente assistito dalla moglie Vera, Giorgio Bertolizio, scrittore e già primario anestesista, autore di decine di saggi di grande scrittura e dilettevolissima lettura.

Fogli Parlanti

Roberto Bianchin

Ora che non è più Presidente non ci sono più alibi. Il rifiuto di accettare il verdetto democratico delle elezioni e l’incitamento alla violenza, al colpo di Stato, alla sovversione contro le istituzioni, non sono barzellette ma un reato. E gravissimo. Trump è colpevole di alto tradimento contro lo Stato da lui stesso rappresentato fino a ieri. Non fatene un eroe, però. Tenetelo in galera il meno possibile. Il suo destino è un altro.

Filmine

barone Heinz Krauss von Espy

Immaginate un Paese dove l’inettitudine (un tempo anche la corruzione, ma oggi un po’ meno) degli apparati statali (sanità scuola amministrazione forze armate per dirne pochi) è pari solo all’immensa sicumera, arroganza, protervia dei loro membri (e più si sale più progressivamente si aumentano la prima e le seconde): immaginate che in questo paese esploda all’improvviso una epidemia mortale, velocissima. Immaginate che qualsiasi misura presa dagli inetti apparati sia inutile, pletorica, nociva. Che paese è?

persone

Roberto Bianchin

Maradona era drogato, Hemingway alcolizzato, Van Gogh matto da legare, Woody Allen pedofilo, secondo le accuse di una parte della sua famiglia. Legittimo (ma pericoloso) discettare sulla necessità, e la sostanziale impossibilità, di distinguere tra l’uomo e l’artista. E sul criterio di giudicare, e spesso apprezzare, il loro lavoro e la loro arte. Per poi comunque finire come al bar a domandarsi se era meglio Maradona o Pelé.

Spilli

Luca Colferai

Ci sono due letture dietrologiche per l’incarico a Mario Draghi per sbrogliare il groviglio di un nuovo governo, dopo alcuni giorni di inutili ma necessarie trattative per un terzo capitolo di Giuseppe Conte.