Di nuovo europeisti

Di nuovo europeisti

La pandemia ha posto fine all’ascesa del populismo italiano?

A un anno di distanza dall’inizio della pandemia, e purtroppo ancora in un duro momento, gli italiani sembrano aver radicalmente mutato il loro pensiero riguardo il proprio governo e il governo dell’Europa. Potrebbe essere la fine dell’ascesa dirompente del populismo nazionale, antigovernativo e antieuropeo.

Italia più europea? (fonte: ilridotto.info).
Italia più europea? (fonte: ilridotto.info).

SALFORD — «È la nostra ora più buia: ma ce la faremo». Così,  facendo eco alle parole di Winston Churchill, l’ora ex primo ministro italiano Giuseppe Conte riassunse nel marzo 2020 la profondità della crisi del suo Paese di fronte alla pandemia COVID-19. È facile, con il senno di poi, dimenticare la portata e la natura senza precedenti dell’emergenza di un anno fa. L’Italia ha inizialmente affrontato da sola la pandemia, prima democrazia liberale colpita dal virus. Il governo ha ritardato ed esitato in una serie di risposte contraddittorie tra la scoperta del primo caso il 21 febbraio e un blocco nazionale l’11 marzo.

Il tentativo di contenere il virus è fallito e i sistemi sanitari del Paese erano prossimi al travolgimento nella regione Lombardia. Due immagini diffuse in tutto il mondo riassumono quei giorni che, in Italia, non verranno mai dimenticati: gente che canta l’inno nazionale dai balconi durante la chiusura; e una lunga fila di veicoli dell’esercito in Lombardia che portavano via centinaia di cadaveri perché la regione non poteva più occuparsene.

Dopo aver registrato uno dei più alti numeri di morti al mondo dallo scorso marzo, il Paese è ancora in preda alla pandemia sotto un nuovo governo guidato da Mario Draghi.

Eppure la pandemia ha avuto un effetto curioso, se non paradossale, sul Paese. Gli italiani sembrano riscoprire il valore e l’importanza delle loro istituzioni politiche (e dell’Europa). L’Italia si distingue da tempo nell’Europa occidentale per avere i più bassi livelli di fiducia nello Stato e in alcune istituzioni che lo compongono (governo, parlamento, partiti).

Un tempo, questa mancanza di fiducia in patria era compensata dal fatto che gli italiani avevano uno dei più alti livelli di fiducia nell’Unione europea, quasi come un contrappeso alle carenze percepite del proprio sistema politico. Poi è arrivato il crollo economico del 2007-2009 e gli anni dell’austerità, e gli stessi atteggiamenti di sfiducia si sono sviluppati nei confronti dell’Europa.

Non era più vista come una salvezza, ma come la responsabile per l’imposizione di tagli alla spesa. I partiti populisti anti-establishment sono diventati famosi combinando l’antieuropeismo con una narrativa al vetriolo contro le élite politiche. Alla vigilia della pandemia, quindi, gli italiani si sono trovati in una situazione difficile, con una diffusa sfiducia sia nel proprio sistema politico che nel ruolo dell’UE.

Un cambio al cuore

Poi, con la diffusione di COVID, tutto è cambiato. Nonostante una scarsa risposta governativa, la crisi è stata accompagnata da uno straordinario e positivo cambiamento di atteggiamento nei confronti delle autorità pubbliche.

Entro la fine di marzo 2020, il 94% degli italiani ha espresso una valutazione positiva sul comportamento delle autorità sanitarie pubbliche nella gestione della pandemia, l’88% del Dipartimento della Protezione Civile, l’82% del Governo e il 77% delle Regioni. Le valutazioni personali su Conte sono aumentate vertiginosamente durante la prima ondata. Le persone che hanno valutato il suo comportamento con voto 6 o superiore (su 10) sono salite a un sorprendente 71% a marzo, superando di gran lunga le valutazioni dei suoi immediati predecessori.

Questo cambiamento non è stato necessariamente unico per l’Italia ma, a causa della storia della sfiducia, è più significativo che in altri Paesi.

Alla fine del 2020, i livelli di fiducia nello Stato erano aumentati dell’11% rispetto al 2019, in parlamento dell’8% e nei governi regionali del 6%. Sono tutte superiori a quelle registrate nel 2009, l’anno successivo allo scoppio della crisi finanziaria. L’unica eccezione sono gli stessi partiti politici. Qui, la fiducia rimane cronicamente bassa.

Qualcosa di simile è accaduto in relazione alla visione della nazione sull’Unione Europea, anche se con una traiettoria leggermente diversa. Nella prima ondata, gli italiani si sono sentiti isolati e non supportati dall’UE. Solo il 35% degli italiani ha registrato una valutazione positiva della sua performance nella pandemia del marzo 2020. Tuttavia, quel giudizio ha avuto vita breve, poiché l’Unione Europea ha gradualmente esercitato la sua capacità sovranazionale e ha riunito una serie di sostegno COVID-19 le misure. L’Italia ha ricevuto la percentuale più alta di fondi dal Fondo di recupero dell’Europa.

Un sondaggio del Parlamento europeo alla fine del 2020 ha rivelato che il 69% degli italiani ritiene che la ripresa dalla pandemia sarà più rapida grazie all’UE. La percentuale di italiani con una visione positiva dell’adesione all’UE è aumentata dell’11% in un anno e il livello di fiducia generale nell’UE del 5% in un anno.

È vero, queste cifre sono ancora basse per gli standard pre-2008 e non tengono conto dello scarso rendimento dell’UE nel recente lancio del vaccino. Tuttavia, è improbabile che ciò minerà quella che sembra essere un’ondata di sostegno a quello che sarà un vantaggio a lungo termine di proporzioni immense nel programma di ripresa dell’UE.

Un eurocrate per l’Italia

Questo cambiamento si riflette anche a livello politico nella nomina, a gennaio, di Draghi, ex presidente della Banca centrale europea. Un tecnocrate alla guida dell’Italia forse non sorprende alla luce del continuo disprezzo degli italiani per i loro partiti politici; ma che sia un eurocrate potrebbe sembrare strano dopo un decennio di crescente euroscettismo. Tuttavia, l’opposizione populista anti-Ue sembra aver fatto il suo corso, smussata e indebolita dalla realtà nascente per gli italiani dell’importanza di appartenere a questo club.

A un anno dall’emergenza nazionale del marzo 2020, la pandemia sembra aver posto le basi per un cambiamento fondamentale nel pensiero degli italiani. La pandemia era stata preceduta da un decennio di politica rabbiosa in cui l’estremismo populista ha superato l’austerità imposta dall’UE. Ora sembra che gli italiani, segnati dal COVID, possano essere pronti a tornare all’ovile europeo e ad una politica di pragmatismo.

 

L’autore: Martin J. Bull, Professor of Politics, University of Salford