Come salvarsi dalla galera

Come salvarsi dalla galera?

Un secondo impeachment è solo l’inizio dei guai legali di Trump

Diventando il primo presidente a essere messo sotto accusa due volte, il controverso e divisivo mandato di presidente di Donald Trump è giunto una conclusione surreale: ora che il suo mandato si è concluso, l’impeachment è soltanto la salva di apertura dell’imminente pirotecnia delle indagini e delle accuse di illeciti che definiranno la sua eredità.

Matthew Bonner, Trump Baby (aerostato, 2018; London Museum; fonte: qz.com).
Matthew Bonner, Trump Baby (aerostato, 2018; London Museum; fonte: qz.com).

Ora che Joe Biden ha assunto la presidenza, Trump potrebbe affrontare accuse penali e civili sia a livello federale che statale per azioni commesse prima e durante il suo mandato come presidente. Secondo quanto riferito, era così nervoso per le indagini in corso che le sue discussioni con i consiglieri su un eventuale perdono presidenziale per sé e i suoi figli si erano intensificate (per aver incitato l’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio). Poi non se n’è fatto nulla, come molti avevano consigliato.

I casi penali sono i più gravi: riguardano reati contro lo Stato perseguiti dalle agenzie governative. Al contrario, le cause civili sono controversie tra due parti che in genere si traducono in pagamenti monetari.

La scena federale

In qualità di presidente, Trump è stato protetto dalle accuse grazie ad una politica di lunga data del Dipartimento di Giustizia, secondo cui i presidenti in carica non possono essere accusati di comportamenti illegali che si verificano durante il mandato. Solo il Congresso, tramite l’impeachment, ha il potere di punire un presidente per aver commesso un errore.

Ma con la fine della presidenza di Trump, il procuratore generale degli Stati Uniti nell’amministrazione Biden potrebbe accusarlo di illeciti criminali avvenuti mentre era in carica. Il governo federale potrebbe iniziare a indagare su Trump per evasione delle imposte sul reddito mentre era in carica e prima della sua elezione nel 2016.

C’è una lunga tradizione negli Stati Uniti nell’utilizzare accuse di evasione fiscale quando altri mezzi per perseguire i reati falliscono. Un altro stravagante imprenditore nato a New York lo imparò a proprie spese: Al Capone.

Prima che Trump incitasse l’assalto al Campidoglio il 6 gennaio, sembrava improbabile che l’amministrazione di Biden prendesse in considerazione la ricerca di accuse penali. Biden ha dichiarato nell’agosto 2020: «Penso che sia una cosa molto, molto insolita e probabilmente non molto … come posso dirlo? … giusta per la democrazia parlare di perseguire legalmente ex presidenti».

Anche dopo il comportamento oltraggioso di Trump durante le ultime settimane della sua presidenza e il suo impeachment, e anche se ci sono prove evidenti di evasione fiscale, rimane improbabile che Biden autorizzi il passo senza precedenti di un governo federale che porta un ex presidente degli USA in tribunale con accuse penali.

Sarebbe necessario un enorme investimento in capitale politico da parte della nuova amministrazione e sarebbe inevitabile una feroce reazione da parte dei Repubblicani se Trump venisse messo sotto accusa.

Allo stesso tempo, non perseguire Trump se si sono scoperte prove sufficienti per giustificare le accuse crea una situazione in cui i presidenti consolidano la loro immunità, anche dopo il mandato. Come ha osservato lo stesso Biden in agosto: «Non credo che nessuno sia al di sopra della legge».

Indipendentemente dalla retorica sul fatto che la giustizia sia cieca, qualsiasi decisione di accusare Trump di un reato penale federale è almeno in parte politica e spetterà a Biden. Al momento, continua ad essere improbabile che Trump debba affrontare accuse federali.

Lo stato di New York

Le accuse statali, tuttavia, sono un’altra storia.

Distinto e separato dal governo federale, lo stato di New York sta conducendo indagini penali su Trump e le sue imprese. Indagini su potenziali frodi bancarie, fiscali e assicurative, nonché la falsificazione di documenti aziendali.

Lo stato ha anche un’indagine civile separata sulla frode fiscale da parte di Trump e della sua azienda.

Sebbene queste indagini e le potenziali accuse siano responsabilità di un governo statale (Democratico), alla fine Biden potrebbe (dover) prendere la decisione finale. Indipendentemente dall’indipendenza costituzionale dei governi statali, la decisione di incriminare Trump a New York potrebbe essere presa alla fine dallo Studio Ovale, date le ramificazioni politiche e l’importante natura di precedente nel mettere sotto accusa un ex presidente.

Tuttavia, il calcolo potrebbe essere diverso da quello per i crimini federali in quanto le accuse formulate a New York forniscono un certo grado di copertura e distanza per i Democratici a Washington. Tuttavia, è dubbio che Biden trarrà qualche vantaggio per la sua amministrazione nel vedere Trump accusato a New York.

Il panorama civile

Due donne hanno fatto causa a Trump per diffamazione per averle definite bugiarde dopo che lo avevano accusato di averle aggredite sessualmente prima che fosse eletto. Queste cause civili sono andate avanti lentamente mentre Trump ha scontato il suo mandato, dal momento che i presidenti in carica non hanno l’immunità dalle cause civili per atti commessi prima di entrare in carica.

Questi sono i casi legali più deboli che Trump dovrà affrontare, dato che è stato semplicemente accusato di mentire piuttosto che di essersi comportato in modo illegale nonostante ventisei donne lo abbiano accusato di aggressione sessuale. Al momento, è probabile che questi casi contro Trump si traducano in un pagamento in denaro o in pubbliche scuse.

Qualcuno potrebbe sperare che il secondo impeachment di Trump. e i procedimenti legali che potrebbero iniziare contro di lui porterà una misura di censura e la chiusura del suo mandato e correggerà alcuni dei suoi eccessi alla Casa Bianca.

Ma è improbabile che ciò accada poiché il costo politico per perseguire un ex presidente è straordinariamente alto e corre anche il rischio di renderlo un martire agli occhi della sua base elettorale.

 

Thomas Klassen è professore alla School of Public Policy and Administration, York University, Canada.