Ti conosco mascherina

Ti conosco mascherina

Come facciamo a riconoscere le persone mascherate

In media ciascuno di noi può riconoscere fino a circa cinquemila volti: da famigliari e  amici fino al cassiere del supermercato locale. La maggior parte delle persone è in grado di riconoscere facilmente volti familiari, anche da immagini di bassa qualità o da foto vecchie di molti anni. Spesso riconosciamo volti familiari anche se non riusciamo a ricordare il nome di una persona o come li conosciamo.

(fonte: kr.freepik.com).
(fonte: kr.freepik.com).

La maggior parte di noi dà per scontata questa capacità di riconoscere volti familiari, ma quando i problemi di salute pubblica richiedono ai nostri amici di mascherarsi, coprendosi il mento, le labbra, le guance e il naso, le nostre capacità di riconoscimento facciale sono confuse?

Abbiamo indagato su questa domanda nel nostro recente studio e confrontato l’impatto delle maschere (che coprono la parte inferiore del viso) con quello degli occhiali da sole (che coprono la zona degli occhi). Nonostante le maschere facciali coprano gran parte dei nostri volti, abbiamo scoperto che le persone trovano sorprendentemente facile riconoscere volti familiari dietro le maschere, a proposito della notevole versatilità di questa abilità umana.

Facce familiari

L’identificazione di volti familiari è un’utile abilità quotidiana, ma l’identificazione di volti sconosciuti è importante anche nel contesto delle indagini giudiziarie e degli scenari di sicurezza. Il nostro studio ha misurato il riconoscimento di volti sia familiari che sconosciuti.

Abbiamo presentato ai nostri partecipanti coppie di immagini di volti e abbiamo chiesto loro di decidere se i volti appartenevano alla stessa persona o a persone diverse. Un’immagine della coppia era sempre presentata senza occultamento e l’altra non mostrava né occultamento, né un’immagine in occhiali da sole o una maschera facciale. I partecipanti hanno completato l’attività per volti familiari (immagini di celebrità) e per volti sconosciuti.
Il nostro studio ha esaminato se i volti coperti da una mascherina fossero più difficili da riconoscere rispetto ai volti non nascosti o ai volti con gli occhiali da sole.

Anche se le mascherine coprono una parte significativa del viso, abbiamo scoperto che i nostri partecipanti hanno identificato volti familiari sotto le mascherine con una precisione di circa il 90%, non peggiore dei risultati per i volti che indossano occhiali da sole e solo leggermente peggiore dei volti non nascosti.

Questi risultati dimostrano quanto possa essere efficace il riconoscimento di un volto familiare. E il nostro compito consisteva solo nel confronto di immagini fisse di volti. È possibile che nel mondo reale, le informazioni che si possono ricavare dalla postura, dall’andatura, o dall’abbigliamento possano integrare le informazioni ridotte del viso mascherato, aumentando ulteriormente la precisione.

Per i volti sconosciuti, sia le mascherine che gli occhiali da sole hanno ridotto ulteriormente la precisione del riconoscimento. Le mascherine hanno ridotto le prestazioni, ma solo un poco, rispetto agli occhiali da sole. Ma, con o senza mascherine e/o occhiali da sole, il riconoscimento di volti sconosciuti tende generalmente ad essere difficile, e soggetto a errori.

Ciò nonostante, alcune persone sono molto abili in questo compito. I super-riconoscitori - persone che eccellono nel riconoscere i volti - sono stati reclutati anche per completare i compiti dal professor Josh Davis del database del Face and Voice Recognition Lab dell’Università di Greenwich. Anche i super-riconoscitori erano sfavoriti dalle mascherine, ma erano molto più efficaci delle persone normali in tutte le condizioni di occultamento.

Dato che la capacità di identificazione dei volti familiari era appena compromessa quando i volti venivano mascherati, perché gli esseri umani riconoscono i volti familiari così bene? Gli esseri umani possono nascere con un’innata preferenza per gli stimoli visivi che ricordano in qualche modo un volto. Siamo così in sintonia con la ricerca di volti nel nostro ambiente che spesso individuiamo modelli simili a volti all’interno di oggetti o nuvole - un fenomeno noto come pareidolia o illusione pareidolitica (dal greco εἴδωλον èidōlon, immagine, con il prefisso παρά parà, vicino; un’illusione subcosciente che tende a riconoscere forme note, in questo caso il volto umano, in oggetti o profili).

È stato suggerito che l’elaborazione del viso è adattativa: i nostri antenati avevano un vantaggio evolutivo se potevano distinguere tra un amico e un nemico, il che li avrebbe aiutati a decidere chi avvicinarsi e chi evitare.

La capacità di riconoscere volti familiari è attribuita all’apprendimento dei diversi modi in cui lo stesso viso può apparire in incontri diversi e all’apprendimento di come differisce da altre facce conosciute. Ciò rende l’identificazione di volti sconosciuti molto più difficile, poiché questi fattori sono sconosciuti per un volto con cui abbiamo poca o nulla esperienza. Per i volti sconosciuti, non sappiamo come possano cambiare a seconda dei cambiamenti di posa, espressione, illuminazione o età, o in che modo differiscano da altri volti ugualmente sconosciuti.

Riconoscitori esperti

Come può tutto ciò spiegare le nostre prestazioni sorprendentemente abile nell’identificare i volti coperti da mascherine di protezione? Per i volti familiari, probabilmente abbiamo abbastanza esperienza con il volto da poter effettuare un’identificazione basata sulle informazioni disponibili, anche se limitate. Potremmo aver già visto il viso oscurato, oppure la nostra rappresentazione dell’intero viso è così forte che possiamo gestire la riduzione delle caratteristiche visibili.

Al contrario, per volti sconosciuti, non possiamo fare affidamento sull’esperienza. I super-riconoscitori sono delle anomalie e, sebbene non sia chiaro il motivo per cui sono così bravi a identificare i volti, ci sono prove che le capacità di riconoscimento dei volti potrebbero essere genetiche.

Attualmente ci sono sette miliardi e quattrocento milioni di volti sul pianeta. Anche se ne incontreremo solo una piccola parte, la nostra capacità di ricordare e riconoscere volti familiari è un’abilità evolutiva in attività da centinaia di migliaia di anni. La nostra ricerca mostra che è un’abilità appena ridotta se i volti sono nascosti da una mascherina.

 

Eilidh NoyesSenior Lecturer in Cognitive Psychology, University of Huddersfield.

Katie GrayAssociate Professor, School of Psychology and Clinical Language Sciences, University of Reading.

Kay Ritchie Senior Lecturer in Cognitive Psychology, University of Lincoln.