Maradona

Fogli Parlanti

Smorz’ellait

Quando è meglio lasciar perdere

Roberto Bianchin

Alle volte, anzi: quasi sempre, è meglio lasciar perdere. Spegnere lentamente i riflettori: dissolvenza e titoli di coda. Fine. E invece, purtroppo: non è così. Nugoli di informatori incalliti ripropongono schegge scintillati di miserevole nulla. Spegnete le luci, piano piano, per favore.

persone

Tu sei bello come sei

Vizi privati e pubbliche virtù

Roberto Bianchin

Maradona era drogato, Hemingway alcolizzato, Van Gogh matto da legare, Woody Allen pedofilo, secondo le accuse di una parte della sua famiglia. Legittimo (ma pericoloso) discettare sulla necessità, e la sostanziale impossibilità, di distinguere tra l’uomo e l’artista. E sul criterio di giudicare, e spesso apprezzare, il loro lavoro e la loro arte. Per poi comunque finire come al bar a domandarsi se era meglio Maradona o Pelé.

Spritz

Diego Armando Maradona non c’è più. In realtà se n’era andato già da tempo: da quando aveva smesso di giocare.