Il gin dei naviganti

Il gin dei naviganti

Dai Fruttivendoli del Mare: Salcombe gin

Questo gin del sud-ovest britannico l’ho acquistato tramite l’eccellente servizio di vendita per corrispondenza di Drinkfinder.co.uk (un po’ di pubblicità è meritata). Salcombe si trova alla foce dell’estuario di Kingsbridge nel sud-ovest del Devon ed è una bella località di mare, amata dagli appassionati di vela e rinomata per la sua lunga storia nautica e navale.

Salcombe Gin.
Salcombe Gin.

FRIMSLEY - In effetti, il duo dietro il gin, Howard Davies e Andrew Lugdsin, si è incontrato per la prima volta quando erano istruttori di vela proprio a Salcombe. Nel 2014 hanno deciso di solcare il grande mare del Ginascimento e creare la propria versione del liquore, prendendo come standard a cui mirare l’eccellente Tanqueray 10, e sviluppando un London Dry Gin che mette al primo posto gli agrumi freschi.

La predominanza degli agrumi è l’omaggio dei distillatori ai Salcombe Fruiterers, barche con il fondo di rame, con equipaggio di gente del posto, che tra il 1820 e il 1880 importavano circa l’ottanta per cento degli agrumi freschi commerciati in Inghilterra (da qui il soprannome di Fruttivendoli). L’idea di Davies e Lugdsin era di procurarsi gli agrumi per il loro gin dai paesi che si trovavano proprio sulle antiche rotte commerciali dei Salcombe Fruiterers.

Nel mix troviamo ginepro, pompelmo fresco, scorze di limone e lime, coriandolo, cannella, cardamomo, cubebe, liquirizia, camomilla, alloro, iris e angelica. Per mantenere la massima freschezza gli agrumi vengono sbucciati immediatamente prima della macerazione in un distillatore Holstein (rinomata marca tedesca) da quattrocentocinquanta litri, battezzata Provident.

Il gin viene prodotto utilizzando il metodo one-shot, in cui le essenze vengono lasciate macerare con lo spirito di base, ottenuto da grano inglese, e quindi la distillazione viene eseguita con le botaniche nello spirito. Il distillato botanico viene quindi corretto con acqua, proveniente da Dartmoor, e quindi imbottigliato al suo grado di abbattimento del 44%.

Una caratteristica insolita del metodo di produzione del Salcombe Gin è che viene utilizzata un’aggiunta dalle code della serie precedente;  Davies e Lugdsin sostengono che la coda contiene la maggior parte dell’angelica e ciò «dà la spina dorsale» del loro gin. Di solito, la maggior parte dei distillatori separa le teste e le code da un lotto, utilizzando solo la sezione centrale per il loro prodotto finale, sulla base del fatto che le code sono generalmente a basso contenuto di alcol e abbastanza sgradevoli al gusto.

La bottiglia è elegante, con il vetro leggermente satinato, ed etichette bianche con stampa in nero di buon effetto, con scritte nitide e bordi in bronzo. Un aspetto decisamente nitido e pulito. Sulla bottiglia sono impressi la sigla SDCo nel mezzo e il motto Born of the Sea nella parte inferiore. Il collo della bottiglia, appena sotto il tappo di bronzo con il suo tappo artificiale, contiene un’immagine dell’estuario di Kingsbridge. L’etichettatura dice che il nome secondario del gin è Start Point, un riferimento al «faro iconico costruito nel 1836, [che] fa la guardia a una delle penisole più esposte della costa inglese e segnava, nel XIX secolo, l’inizio e la fine dei viaggi dei Fruiterers Salcombe». La mia bottiglia è del lotto 341, una buona annata, ne sono sicuro.

Il gin non ha deluso. Al naso l’impatto immediato è quello di un odore dolce e terroso, subito seguito da un gradito colpo di ginepro e quasi un sovraccarico di agrumi. C’era un pizzico di spezie alla fine, ma l’aroma era sufficiente per convincermi che avevo un classico gin londinese tra le mani. In bocca è straordinariamente morbido, complesso con ciascuno dei suoi elementi che fa la sua parte. La prima a suonare è la liquirizia, poi un pizzico di calore pepato, prima che gli elementi agrumati più aspri inizino a far sentire la loro presenza. C’è una distintiva terrosità nel gusto, forse hanno ragione sull’angelica usata che dà allo spirito una spinta in più, e l’ultima impressione che porta al retrogusto è stata di piccante.

Sono rimasto un po’ sorpreso che il ginepro fosse così in secondo piano. Tutto è cambiato, però, quando ho aggiunto un mixer. Il ginepro ha preso vita e gli elementi agrumati hanno cercato di fare la loro parte. Sorprendentemente, il gin ha assunto due caratteri diversi, con o senza mixer, una versatilità che dimostra la sua complessità e la cura che è stata posta nel suo design. Come estimatore dei gin guidati dal ginepro, l’ho preferito con una tonica, ma questa è solo la mia preferenza. Un ottimo gin.

Alla prossima volta, saluti!