Troppo schifo

Troppo schifo!

ARFID: il disturbo alimentare che fa temere il cibo

La maggior parte di noi è schizzinosa su alcuni cibi, e questo è normale, ma per alcune persone la pignoleria può essere disfunzionale. Un disturbo alimentare poco conosciuto, chiamato con l’ispido acronimo inglese ARFID ( chiamato Avoidant Restrictive Food Intake Disorder, qualcosa come «disturbo evitante restrittivo dell’assunzione di cibo»), può avere un impatto grave e permanente sulle abitudini alimentari. (tradotto da The Conversation)

(fonte: pixahive.com).
(fonte: pixahive.com).

Questa condizione ha guadagnato molta attenzione nel 2019 dopo che è emerso che un adolescente nel Regno Unito ha sofferto di perdita irreversibile della vista e dell’udito dopo aver mangiato per anni solo patatine, patatine e pane bianco. Più che un semplice caso di alimentazione schizzinosa, l’adolescente soffriva di ARFID e si è attenuto alla sua dieta ristretta perché la consistenza di altri cibi era difficile da tollerare. Pur essendo un esempio estremo, mostra comunque quanto dannoso possa essere questo disturbo alimentare per coloro che ne soffrono.

Il disturbo evitante restrittivo dell’assunzione di cibo è una condizione riconosciuta relativamente di recente: è stata classificata per la prima volta dall’American Psychiatric Association nel 2013. Si pensa che colpisca circa il 5-15% dei bambini ricoverati in ospedale con problemi alimentari e meno dell’1% degli adulti.

ARFID è diverso da altri disturbi alimentari restrittivi, come l’anoressia e la bulimia. Le persone con questa condizione non stanno cercando di controllare il proprio peso. Piuttosto, hanno una paura intrinseca del cibo e dell’atto di mangiare. Mentre alcuni cibi, viste o odori possono suscitare disgusto o paura in molti di noi, le persone con ARFID si sentono così ogni giorno, per molti di cibi che incontrano quotidianamente.

Molti provano un’incredibile ansia nei confronti di alimenti che considerano non sicuri, causando di conseguenza una mancanza di imporatnti elementi nutritivi nella dieta. Molti non riescono nemmeno a trovare la motivazione sufficiente per cambiare le loro abitudini alimentari; poiché il disagio psicologico di cercare di includere «cibi non sicuri» è troppo difficile da gestire.

Data la novità di questo disturbo, molto rimane sconosciuto al riguardo. Tuttavia, gli psicologi in genere concordano sul fatto che chi soffre del disturbo evitante restrittivo dell’assunzione di cibo manifesta una o più delle seguenti caratteristiche:

  •     Assenza di fame o apparente mancanza di interesse nel mangiare o nel cibo.
  •     Evitamento di cibi a causa della loro vista, odore o sapore.
  •     Preoccupazione di un genitore (o di un bambino) per il numero limitato e i tipi di cibo consumati
  •     Deficit calorico, proteico, vitaminico o di minerali.

La diagnosi di ARFID può essere difficile, ma in genere i medici esaminano la quantità e il numero di tipi di cibo che una persona mangia; analizzano per quanto tempo evitare determinati alimenti è stato un problema; controllano se una persona ha perso peso, o se la sua crescita è stentata.

Cercheranno anche segni di carenze nutrizionali: unghie e capelli fragili, cambiamenti della pelle, gengive o labbra sanguinanti, lividi inspiegabili, alterazioni della vista, stanchezza cronica e dimenticanza e scarsa crescita. Verificheranno anche se la condizione causa angoscia o interferisce con la vita quotidiana.

Pericoli del mangiare schizzinoso

La maggior parte dei genitori di bambini piccoli probabilmente dirà che il loro bambino è un tipo schizzinoso. Questa è una fase normale dello sviluppo del bambino e la maggior parte dei bambini, dai quattro ai sei anni di età, ne uscirà crescendo. Ma l’ARFID è diverso e i bambini spesso lo sviluppano dopo precedenti esperienze negative con tipi di cibo che potrebbero averli indotti a vomitare o vomitare da bambini.

La paura di soffocare o vomitare, l’avversione a certi gusti o consistenze o la mancanza di voglia di mangiare sono tutte ritenute le cause principali. Gli adulti con ARFID possono spesso mettere in relazione i loro sentimenti sul cibo con le esperienze di un bambino piccolo e provare gli stessi sentimenti di evitamento dei bambini.

I bambini schizzinosi di solito non perdono peso né fanno affidamento su bevande nutrizionali o, nei casi più gravi, nelle sonde gastriche per nutrizione. Inoltre, non avranno paura o fobie riguardo al vomito, al soffocamento, e non limiteranno l’assunzione di cibo a tal punto da perdere peso e sviluppare segni di carenze vitaminiche e minerali.

E a differenza del tipo comunemente  schizzinoso, le persone con ARFID possono mangiare solo meno di venti diversi tipi di cibo - tipicamente cibi bianchi o beige, come pane, riso bollito e cracker. Ciò può portare a perdita di peso o crescita incerta nei bambini, deterioramento della funzione psicologica e carenze nutrizionali.

Una recente revisione sistematica delle revisioni dei casi di pazienti con ARFID e autismo, ha rilevato che quasi il 70% di quelli con ARFID aveva lo scorbuto (carenza di vitamina C), mentre il 17% aveva disturbi agli occhi a causa della carenza di vitamina A. Sono state segnalate anche carenze di vitamina D, B12 e tiamina. Queste vitamine e minerali sono essenziali per aiutare il corpo a funzionare correttamente. Si raccomanda che le persone con sospetta ARFID vengano indirizzate a cure specialistiche per assicurarsi che abbiano aiuto per gestire la loro condizione.

Mangiare è un’importante attività sociale per molti in tutto il mondo. Ma il disturbo evitante e restrittivo dell’assunzione di cibo può inoltre spingere molti a sentirsi isolati. Dato che si tratta di un disturbo relativamente nuovo, sarà importante che la ricerca continui a lavorare per capire perché si sviluppa la condizione, e a trovare come aiutare meglio i pazienti a riprendersi.


Luise Marino fa parte del Programma Lead Nutrition and Dietetics, University of Winchester