Fuori di casa

Fuori di casa!

Rinselvatichire i bimbi: perché giocare all’aperto dovrebbe essere una priorità post-pandemia

Questa generazione di bambini dovrà affrontare una serie di sfide, inclusi gli effetti del cambiamento climatico e della crescente globalizzazione, e le conseguenze del rapido cambiamento tecnologico. Dovranno diventare abitualmente attivi per crescere come adulti sani e resistenti, che possano sopravvivere e prosperare in un mondo che cambia rapidamente. (Iniziativa Global Matrix sull’attività fisica)

Bambini giocano sulla spiaggia (fonte: Ben_Kerckx on pixabay.com).
Bambini giocano sulla spiaggia (fonte: Ben_Kerckx on pixabay.com).

Mentre gli asili nido e le scuole iniziano a riaprire in tutto il Regno Unito, c’è molta preoccupazione per l’impatto di questo anno molto difficile sui bambini. Un aspetto dell’infanzia normale che molti hanno perduto negli ultimi dodici mesi è il semplice divertimento di giocare all’aperto. La commissaria inglese per l’infanzia Anne Longfield ritiene che dovremmo dare la priorità al benessere dei più giovani come parte del nostro recupero dal COVID-19.

La nostra ultima ricerca suggerisce che durante il blocco la maggior parte dei bambini trascorreva meno tempo all’aperto, diventava meno attiva fisicamente e trascorreva più tempo davanti agli schermi. Di conseguenza, questa potrebbe ora essere la generazione di bambini meno in forma nella storia. In Inghilterra (ma non solo, e anche peggio ndt), i bambini sono stati persino redarguiti dalla polizia per aver giocato all’aperto. E la chiusura di scuole e asili ha inevitabilmente ridotto le possibilità di giocare con gli amici.

I nostri comportamenti sono formati e rafforzati dall’abitudine. Alcuni bambini potrebbero aver perso l’abitudine di giocare all’aperto nell’ultimo anno, sostituendola con il tempo trascorso davanti allo schermo, mentre altri potrebbero non aver avuto nemmeno l’opportunità di sviluppare l’abitudine.

Un ampio corpus di prove di ricerca mostra che il gioco attivo all’aperto ha benefici per la salute, il benessere, lo sviluppo e il rendimento scolastico dei bambini. Il gioco è così importante per l’infanzia che è sancito come diritto umano nell’articolo 31 dei diritti dell’infanzia delle Nazioni Unite.

Sembra strano che un aspetto così importante e normale dell’infanzia come giocare all’aperto sia minacciato, ma il problema era presente già prima del blocco. Tali restrizioni potrebbero aver semplicemente accelerato un processo di diminuzione della partecipazione al gioco attivo all’aperto che era già in corso prima della pandemia.

La corsa, il ciclismo, il nuoto, l’escursionismo, l’arrampicata, l’esplorazione e il gioco non solo offrono opportunità per l’attività fisica, ma stimolano anche l’immaginazione e la creatività, ci aiutano a sviluppare capacità di risoluzione dei problemi e incoraggiano l’interazione con gli altri e l’ambiente. Il gioco libero all’aperto, che non è organizzato o supervisionato da vicino dai genitori, è particolarmente utile per i livelli di attività, il benessere, lo sviluppo sociale ed emotivo e la resilienza.

Ripristinare l’abitudine

La nostra ricerca sugli stili di vita dei bambini in Scozia viene pubblicata come pagella dello stato della nazione ogni due o tre anni. Nel nostro ultimo rapporto - un’istantanea della vita pre-isolamento - abbiamo scoperto che solo circa un terzo dei bambini delle scuole elementari scozzesi giocava regolarmente all’aperto; due terzi non ne avevano per niente l’abitudine.

Questo risultato è stato molto simile ai risultati della nostra ricerca del 2018 dei 20 paesi che hanno segnalato la partecipazione a giochi all’aperto attivi con l’iniziativa Active Healthy Kids Global Alliance Global Matrix. Se il gioco all’aperto attivo era piuttosto raro prima del blocco, ora potrebbe essere in pericolo di estinzione in alcuni luoghi.

Le ragioni per cui giocare all’aperto era in declino anche prima del blocco sono complesse e varie, ma includono la paura che i bambini si feriscano o si sporchino, il pericolo di estranei, le scottature solari, le punture di insetti, il maltempo e l’oscurità. Questi problemi di sicurezza sono opportunisticamente contrastati con molte cose «sicure» che i bambini possono fare in casa, soprattutto davanti agli schermi.

Ma nello stesso studio abbiamo trovato buone prove che la stragrande maggioranza dei bambini scozzesi ha accesso a uno spazio esterno decente per giocare vicino a dove vivono e generalmente percepito come sicuro. La ricerca in tutto il mondo sviluppato ha dimostrato che l’ambiente esterno è relativamente sicuro, mentre l’ambiente interno è molto meno sicuro di quanto pensano molti genitori. Oltre ai pericoli del tempo sempre più lungo in cui restano online davanti agli schermi, i bambini stanno più seduti e si muovono molto meno. Possono mangiare molti spuntini e merende in più. E spesso la qualità dell’aria all’interno è peggiore che all’esterno.

Ciò era simile ai risultati di altri paesi occidentali, come il Canada. Mentre l’ambiente esterno potrebbe senza dubbio essere migliore, i motivi per cui così pochi bambini giocavano regolarmente all’aperto prima del blocco sono in parte legati all’ambiente sociale (ovvero norme e abitudini) piuttosto che all’ambiente fisico. Se vogliamo salvare il gioco dall’estinzione, dobbiamo affrontare l’ambiente sociale e ripristinare l’abitudine di giocare all’aperto.

In altri 29 paesi che hanno preso parte alla nostra ricerca del 2018 non vi è stato alcun monitoraggio della partecipazione al gioco attivo all’aperto, quindi la situazione potrebbe essere critica e deteriorarsi in quei paesi senza che nessuno se ne accorga. Come le estinzioni di specie - che avvengono in parte perché non ne siamo consapevoli - anche comportamenti e abitudini importanti potrebbero estinguersi perché semplicemente non percepiamo le tendenze in atto. Nell’ambito del piano di recupero COVID-19, il gioco attivo all’aperto non dovrebbe essere soltanto incoraggiato e reso prioritario. Anche la partecipazione deve essere seguita e controllata.

Il tempo che in passato i bambini avrebbero normalmente trascorso giocando all’aperto è stato sempre più sostituito dal tempo passato davanti agli schermi. L’equilibrio deve essere ristabilito. Il tempo passato rinchiusi in casa incollati a un computer dovrebbe essere corretto  da raffiche di aria fresca e corse in libertà senza supervisione troppo ravvicinata.

Resuscitare il gioco attivo all’aperto significa portare più bambini fuori di casa più spesso e questo richiede il rilancio dell’infanzia. Ciò significa gite in famiglia per esplorare la natura; fare d’abitudine visite al parco; incoraggiare i bambini a giocare in modo fantasioso all’aperto, come costruire rifugi: qualsiasi tipo di gioco creativo all’aperto che stimoli la curiosità, l’esplorazione, la cooperazione, l’immaginazione e l’espressione di sé.

Ripetuto, il gioco all’aperto diventa un’abitudine che i bambini amano e attendono con ansia, soprattutto se possono incontrare e giocare con altri bambini. Il blocco è stato fondamentale per affrontare la pandemia COVID-19, ma la perdita di giochi all’aperto non dovrebbe diventarne una delle conseguenze indesiderate.

Se avete dei dubbi, mandateli fuori!

Gli autori: John J. Reilly - Professor of Physical Activity and Public Health Science, University of Strathclyde; Mark S. Tremblay - Professor of Pediatrics in the Faculty of Medicine, L’Université d’Ottawa/University of Ottawa