Cambiare per il meglio

Cambiare per il meglio

L’elegante The Lakes Gin

Il Lake District è una delle zone più belle e panoramiche dell’Inghilterra, situata nel nord dell’Inghilterra, appena sotto i confini scozzesi e famosa per i suoi laghi (è ovvio) e le sue dolci colline. Purtroppo, sono passati molti anni dall’ultima volta che l’ho visitata, ma ho colto al volo l’opportunità di farlo in spirito. Inaugurata nel dicembre 2014 in una fattoria a Bassenthwaite da Paul Currie (già Arran Distillers) la distilleria produce whisky e vodka oltre a gin, sfruttando le fresche acque naturali di Sprinkling Tarn.

The  Lakes Classic Gin.
The Lakes Classic Gin.

FRIMSLEY -

La lotta per emergere sul mercato del Ginascimento è tale che riconfigurare completamente un marchio distintivo è non solo una mossa coraggiosa, ma forse a volte anche temeraria; ma questo è ciò che Currie ha deciso di fare. Non solo il design e la forma della bottiglia del suo gin sono cambiati, ma anche la ricetta. Sono sparite alcune delle botaniche dell’area locale come mirtillo, erica, biancospino e menta che erano presenti nella formulazione originale, sostituite da un nonetto di botaniche più tradizionali e, oserei dire: conservatrici, con ginepro, coriandolo, angelica, radice di iris, corteccia di cassia, liquirizia, arancia amara, arancia dolce e scorza di limone.

I puristi sosterranno che i cambiamenti hanno reciso un evidente legame con la zona da cui dipende il marchio, ma da una prospettiva di puro gusto, che è davvero quella che dovrebbe essere la considerazione principale, colloca saldamente The Lakes Gin nel classico spazio London Dry Gin, un po’ sovraffollato, di sicuro, ma in cui la qualità risalta.

Lo spirito di base è ottenuto dal grano, che viene riscaldato, e in cui i vegetali vengono immersi durante la notte per consentire il rilascio degli oli essenziali. Un tradizionale alambicco di rame chiamato Chemmy viene quindi utilizzato per distillare la miscela che viene quindi addizionata di acqua di sorgente naturale del posto. Il risultato è uno liquore con un impressionante peso di combattimento del 46% ABV, più forte dell’originale che aveva un ABV del 43,7%.

La bottiglia ridisegnata è eleganza materializzata. Rotonda, con spalla piatta e collo allungato, è di vetro azzurro, una sfumatura che dona la sensazione di un lago, esaltata dagli effetti increspati in rilievo nel vetro. Il nome della distilleria è impresso sulla spalla e il tappo è nero con tappo artificiale, una volta rimossa la protezione in lamina d’oro. Anche l’etichettatura è elegante, utilizza nero e oro su uno sfondo semplice e mi dice che il gin viene «distillato delicatamente con il lusso del tempo per una morbidezza eccezionale». L’unica concessione al marketing che resta in gola è che gli aromi sono stati aumentati.

All’apertura della bottiglia, il profumo è rassicurante: un London Dry con note pronunciate di ginepro e pepe e un leggero sentore di agrumi. Nel bicchiere, il liquore limpido al gusto appare secco e fresco, con il ginepro in primo piano e poi elementi più morbidi, con un effetto nocciola, che si combinano con la freschezza degli agrumi, prima un accenno di liquirizia e toni più floreali. Il retrogusto è persistente, un insieme di pepe, ginepro e agrumi. Tutto sommato è stato un gin ben bilanciato e ben definito con ginepro senza vergogna in primo piano (proprio come piacciono a me).

Il Lakes Gin è stato un successo decisivo e valeva la pena correre il rischio di cambiare e rinnovare il suo profilo.

Alla prossima volta, salute!