Dieci punti per le citta d arte

Dieci punti per le città d’arte

Bell’esempio di miopia politica

In settimana, i sindaci di Venezia e Firenze hanno presentato al presidente del consiglio dei ministri un documento con dieci punti programmatici per la difesa e lo sviluppo delle città d’arte, per il presente e l’immediato futuro.

Sono dieci punti con proposte tese a mitigare gli effetti disastrosi sull’economia turistica causati dalle misure di contenimento adottate contro la pandemia, e mirate a rinvigorire la ripresa con misure di controllo delle attività collegate al turismo e di rispetto e salvaguardia dei cittadini residenti.

Ma sono in bianco! (silografia di Luther Beham, 1527; fonte: commons.wikimedia.org).
Ma sono in bianco! (silografia di Luther Beham, 1527; fonte: commons.wikimedia.org).

Scritto con l’indigeribile italiano burocratico pubblicitario frammisto di anglicismi patetici che si usano solo in Italia, il decalogo di proposte per il rilancio da Firenze e Venezia: Città d’arte? NONmetterledaparte, mostra una lungimiranza politica e amministrativa da biavarioli (a Venezia) o biadaioli (a Firenze) di fine Ottocento: pizzicagnoleria con matita all’orecchio, conti con le dita, le paginette del taccuino con orecchie e macchie d’unto.

Tutto si riduce infatti a una serie di cavilli amministrativi su chi può fare cosa (ne esistono già, tantissimi) nello sfruttare il turismo di massa; una timida richiesta di soldi (ecco il neologismo brugnariano di ruspante ruzantiana bellezza: scarseare) per le categorie in crisi  e anche per i trasporti pubblici; un decimo capitolo dall’imbarazzante titolo: Sviluppo delle Smart control room per la gestione intelligente della città.

L’unico punto non trito e ritrito è l’ottavo: Norme speciali per la limitazione delle attività commerciali o dei prodotti in libera vendita. Una rivoluzionaria innovazione, a una ventina d’anni dalla distruzione del tessuto commerciale cittadino, che prova a chiudere le stalle dopo che sono scappati anche i mandriani.

L’attenzione al dettaglio, alle competenze, alle necessità minuscole, mostra come per i due sindaci - uno di destra, l’altro di centro(sinistra) - il turismo di massa  di oggi va benissimo così com’è. Si tratta solo di dargli un ritocchino qua e là.

Mostra come un anno, e forse un anno e mezzo, ma temiamo anche due, di catastrofe sociale ed economica sia per loro (e per moltissimi altri) solo un momento passeggero, e che poi tutto tornerà come prima, anzi, meglio.

I sindaci di due città come Firenze e Venezia sono tenuti a dare molto di più ai loro cittadini.

 

Sotto, negli allegati, il Decalogo