Strappare lungo i bordi

Strappare lungo i bordi

Una delle migliori serie animate

Il celebre fumettista romano Zerocalcare ripercorre vari episodi della sua vita, con al centro l’amore mancato per l’amica Alice. Una serie di enorme successo.

Zerocalcare e Armadillo deliberano su come evitare di visualizzare un messaggio su WhatsApp.
Zerocalcare e Armadillo deliberano su come evitare di visualizzare un messaggio su WhatsApp.

COSMPOLI - Solitamente trasporre cinematograficamente un’opera fumettistica non è un’operazione troppo difficile (ne sono un esempio i film di supereroi campioni d’incassi) ma la situazione si complica se si tratta di Zerocalcare. Strappare lungo i bordi è, in tutto e per tutto, la rappresentazione su schermo dello stile inconfondibile e della geniale ironia di uno dei migliori fumettisti italiani di sempre. Proprio per i suoi tratti tipici molti erano scettici riguardo alla piena riuscita del progetto eppure Strappare lungo i bordi è una delle migliori serie animate prodotte da Netflix (al pari del famosissimo Bojack Horseman e del recente Arcane).

Uno dei motivi del successo della serie (pienamente giustificato, a differenza di alcune recenti serie coreane) è la sua duplice natura, ovvero rappresenta un’ottima introduzione al mondo di Zerocalcare per i neofiti e al contempo rispetta tutti i canoni del vignettista, in modo da non deludere i fan di vecchia data. Nonostante a questi ultimi la serie possa sembrare un deja-vù, essi stessi si dovranno ricredere perché il vero punto forte di Strappare lungo i bordi è la non banale trattazione di un’assenza. Si tratta di un personaggio, apparentemente secondario, che diventa il fulcro della vicenda. La struttura narrativa della serie stessa, apparentemente casuale e slegata, le battute e i temi trattati non annoiano mai, anzi, la serie funziona così bene che finirla in una sera è quasi inevitabile.

E qui forse sorge l’unica pecca di tutta la serie… la durata. Gli episodi non sono molti e durano abbastanza poco, difatti l’intera serie si finisce in circa due ore. In realtà la breve durata è giustificata dalla narrazione, molto scorrevole, scritta e diretta in maniera impeccabile. Anche se tutti, dopo aver finito Strappare lungo i bordi, acclamano a gran voce un’altra stagione. Chissà se il livello qualitativo di un’eventuale seconda stagione verrà mantenuto come nella serie d’esordio.

Strappare lungo i bordi mette a nudo l’animo del celebre vignettista, che si mostra, qui più che mai, come una persona normalissima, con i suoi problemi, i suoi dubbi e con l’angoscia che la sua vita non l’abbia strappata lungo quei bordi. La riflessione che Zerocalcare fa, con questa serie, è la dimostrazione che si può fare poesia anche in romanaccio.

Frase:
Zerocalcare: Oh ma vieni pure te? Non stamo tanto, un’oretta e poi tornamo.
Armadillo: Sì, te vai con la macchina, io te raggiungo cor coso… eh come se chiama? Er coso dai! Ah sì! Te raggiungo cor cazzo.

STRAPPARE LUNGO I BORDI
Anno: 2021
Episodi: 6
Durata: 16-21 min
Genere: commedia/dramma
Regia: Zerocalcare
Cast: Zerocalcare, Valeria Mastrandrea