Inverno islandese

Inverno islandese

Martin Miller’s Winterful Gin

Anche se sei un nome affermato nel mondo del gin e hai festeggiato vent’anni di attività proprio l’anno scorso, il Ginascimento ha generato così tanti rivali che non puoi permetterti di riposare sugli allori. In parte per celebrare il loro ventesimo anniversario e in parte per assicurarsi che il loro nome fosse al primo posto nella mente del pubblico, Martin Miller ha pubblicato due gin in edizione limitata, Summerful e Winterful. Ho già recensito il Summerful (qui su Il Ridotto) e ora è il momento di mettere sotto i riflettori il Winterful Gin di Martin Miller.

Martin Miller’s Winterful Gin.
Martin Miller’s Winterful Gin.

FRIMSLEY — Come suggerisce il nome, il gin dovrebbe evocare l’essenza dell’inverno. La differenza di marketing di Martin Miller è che combina il meglio del gin inglese con la migliore acqua islandese naturale nei suoi prodotti e per Winterful hanno scelto di utilizzare botanici particolarmente associati ai vin brulè in ciascuno dei paesi. In Islanda il vin brulè si chiama con una deliziosa onomatopea: Jóla Glőgg.

Per il loro gin originale, Martin Miller utilizza un doppio processo di distillazione, distillando separatamente le essenze di ginepro e radici e poi gli agrumi separatamente prima di combinarli. In questo modo, affermano, possono raggiungere un migliore equilibrio tra il ginepro e gli agrumi, risultando in una bevanda più liscia e più soddisfacente. Nella creazione di Winterful c’è una terza distillazione che coinvolge cannella, scorza di mandarino e altri prodotti botanici tra cui il cardamomo, i sapori scelti per riflettere l’inverno, il vin brulé e i sapori caldi associati e richiesti in quel periodo dell’anno.

Questo è molto il loro gin plus originale, un’impressione enfatizzata dal fatto che usano la stessa bottiglia alta e sottile di forma ottagonale con un collo lungo. La differenza è un colore bruno violaceo sulle loro etichette. Non c’è niente di sbagliato in questo. Dopotutto, se hai realizzato un gin che ha resistito alla prova del tempo, non ha senso buttarlo via con l’acqua sporca solo per creare una variante stagionale.

Rimuovendo il tappo d’argento a vite, il mio naso ha preso un intenso colpo di arancia e cannella. Questi erano certamente gli odori che associavo al vin brulè e non c’era dubbio alcuno sulla loro presenza. Ho iniziato a preoccuparmi che potessero sopraffare completamente la miscela più sottile e complessa di ginepro e agrumi che sono arrivato ad associare a quella di Martin Miller. Le mie paure sono state in qualche modo placate quando ho versato lo spirito cristallino nel bicchiere. In bocca la prima sensazione è stata di dolcezza, prima che emergessero sapori speziati e dolci più intensi. Il mandarino è ricomparso verso la fine del sorso e il retrogusto è stato lungo e piacevolmente speziato e caldo.

Il ginepro potrebbe essersi un po’ perso lungo la strada, ma è stato un drink soddisfacente che ha soddisfatto le sue esigenze e ha fatto ciò che aveva promesso nella sinossi pubblicitaria. Con un grado di 40% ABV è stato un piacevole inizio per una serata e ho potuto facilmente vedere che è stato molto apprezzato. Lo preferisco di gran lunga al suo  gemello, il Summerful.

Alla prossima volta, salute!