Un gin tutto bucolico

Un gin tutto bucolico

Cambridge Dry Gin dai prati di Grantchester

Ah, Grantchester Meadows… Quando ero uno studente universitario a Cambridge (con mille scuse per l’idilliaca ode bucolica dei Pink Floyd per quell’incantevole luogo), mi sdraiavo tranquillo su quei pigri prati solcati da placide acque. Purtroppo ero lì troppo presto per scendere al 20 di High Street (a Grantchester) ora sede della Cambridge Distillery. I cervelli dietro l’impresa sono William e Lucy Lowe, senza dimenticare Darcy, il cane della distilleria.

Cambridge Dry Gin.
Cambridge Dry Gin.

FRIMSLEY — Innovazione è la parola d’ordine nei dintorni di Cambridge. Spinti dal desiderio di crearsi uno spazio nell’affollato mercato del Ginascimento, i Lowes hanno attinto a lungo e in profondità dal pozzo dell’innovazione. La loro prima incursione è stata un Gin Giapponese (lanciato intorno al 2014) ma la loro interpretazione del gin secco che troviamo nel Cambridge Dry Gin trae ispirazione dalle siepi e dai pascoli dei prati, e dal loro giardino. Con l’eccezione del ginepro macedone, gli altri vegetali che entrano nella miscela, tra cui foglie di ribes nero, basilico, rosmarino, verbena di limone, petali di rosa e viola e semi di Angelica, vengono raccolti durante le loro passeggiate o coltivati ​​nel loro giardino.

Le botaniche (che rappresentano tutte e quattro le stagioni di un anno a Grantchester) vengono distillate individualmente in volumi inferiori a due litri, sotto vuoto per garantire che rimangano al loro meglio. La tecnica utilizzata è stata ideata dagli stessi Lowe, segno del loro impegno nel dare la propria impronta al proprio gin. Le tecniche di distillazione tradizionali come l’utilizzo di un alambicco di rame possono distruggere i sapori di tutti tranne i botanici più robusti, motivo per cui i botanici di base della maggior parte dei gin London Dry sono notevolmente simili. Creare un gin che utilizzi botaniche più delicate e meno robuste senza ricorrere ad aggiungerle artificialmente in seguito, ha richiesto un approccio diverso.

Se erano necessarie ulteriori prove del fatto che i Lowe si impegnassero a produrre un prodotto di prima classe, allora non devi guardare oltre l’elegante bottiglia alla moda. Di forma rettangolare con una spalla piatta che porta a un collo corto e un tappo di vetro, fa buon uso del famoso azzurro Cambridge sulla sua etichetta, con una stampa fresca e chiara e un’illustrazione di botanici sul retro dell’etichetta sulla faccia posteriore della bottiglia che, un po’ come un pezzo di carta da parati di Laura Ashley, può essere vista attraverso la parte anteriore della bottiglia. L’etichetta sul collo della bottiglia che ho acquistato dal mio negozio Waitrose locale (che ora ha iniziato a farne scorta) dice che è la bottiglia numero 532 su 600 (dal lotto 149).

Questa cura mista a non poca abilità si riflette nel prezzo. Non è un gin economico, nemmeno per i cosiddetti standard artigianali premium, ed è improbabile che sia un acquisto dettato dall’impulso. Motivo in più, quindi, per produrre una bevanda distintiva e soddisfacente. Questo hanno ottenuto i Lowe.

Al naso ha un profumo molto floreale e fruttato, non prepotente ma sufficiente a mettere in ombra il ginepro. È uno spirito cristallino e, nel bicchiere, le botaniche floreali e di frutta continuano a catturare le luci della ribalta, gli elementi più terrosi e speziati emergono mentre fai scorrere la bevanda intorno alla bocca e il retrogusto è prolungato e sorprendentemente speziato. L’aggiunta di un tonico premium sembra esaltare gli elementi floreali. Sono rimasto sorpreso dagli agrumi che ho rilevato, presumibilmente dalla verbena odorosa, vista l’assenza di elementi agrumati tradizionali.

Anche se preferisco di gran lunga che i miei gin siano distintamente guidati dal ginepro, ho trovato questa bevanda molto rinfrescante e più saporita, ideale per quelle calde serate di fine primavera ed estate; e con un titolo del 42% racchiude anche un po’ di forza. I Lowe hanno raggiunto il loro obiettivo di sviluppare un gin distintivo, uno che si trovi più comodamente nello spazio del gin contemporaneo e meriti di avere successo nei loro sforzi.

Alla prossima volta, salute!